Mercoledì 22 Novembre 2017 - 06:45

Uber, rubati i dati di 57 milioni di utenti. L'azienda ha pagato il riscatto

La rivelazione dell'amministratore delegato Khosrowshahi. Fra i dati rubati non ci sarebbero carte di credito

FILE PHOTO: An Uber sign is seen in a car in New York

La piattaforma di trasporto condivisa Uber ha svelato una perdita informatica che la società ha tenuto segreta fino ad oggi e che nel 2016 ha interessato i dati personali di 57 milioni di utenti e conducenti in tutto il mondo. Uber avrebbe scelto di pagare i pirati informatici sottomettendosi al loro ricatto senza denunciarli.  L'amministratore delegato di Uber, Dara Khosrowshahi, che è entrato in carica lo scorso agosto, ha detto di voler essere "onesto" e "trasparente" e a "lavorare per riparare gli errori del passato". Ha spiegato che due persone esterne all'azienda hanno avuto accesso ai database Uber e sono state in grado di scaricare informazioni da 57 milioni di utenti Uber in tutto il mondo, inclusi i loro nomi, indirizzi e-mail e numeri di telefono. All'interno di questo importo, c'erano anche 600.000 conducenti di Uber negli Stati Uniti, i cui numeri di patente di guida, la forma più comune di identificazione negli Usa, sono stati rubati dagli hacker.

L'agenzia Bloomberg ha spiegato che Uber, nonostante abbia l'obbligo legale di informare le autorità in merito all'attacco informatico, ha preferito  pagare 100.000 dollari agli "hacker" per eliminare i dati ottenuti e mantenere il silenzio su quanto accaduto. Khosrowshahi ha chiarito che gli esperti non credono che gli hacker abbiano ottenuto la carta di credito o il numero di una banca, i dati di sicurezza sociale o le cronologie di viaggio degli utenti. "Forse ti chiederai perché ne stiamo parlando ora, un anno dopo, mi sono posto la stessa domanda, quindi ho immediatamente chiesto un'indagine approfondita su quello che è successo e su come è stato gestito", ha detto l'amministratore delegato.

Dopo aver esaminato l'incidente, Khosrowshahi ha detto che due dei dipendenti che hanno guidato la risposta all'attacco informatico non sono più con la compagnia, e ha detto che Uber ha già notificato l'incidente alle autorità di regolamentazione. Secondo Bloomberg, Uber ha licenziato lil capo dell'ufficio di sicurezza, Joe Sullivan, e uno dei suoi subordinati per i loro ruoli nel tenere l'incidente segreto. "Nulla di ciò dovrebbe essere successo e non ho intenzione di trovare scuse per questo." Anche se non posso cancellare il passato, posso impegnarmi a nome di ogni dipendente Uber che impareremo dai nostri errori ", ha aggiunto Khosrowshahi.

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Foto tratta dal profilo Twitter #SAVEAHMAD

L'accademico iraniano Djalali confessa: "Spionaggio per sabotare programma nucleare"

L'ammissione alla tv di Stato. Secondo la moglie, tuttavia, l'uomo, già condannato a morte, sarebbe stato costretto dai suoi interlocutori a leggere la confessione

Sventato attacco a San Pietroburgo grazie alla Cia. Putin ringrazia Trump

L'informazione fornita dall'agenzia ha permesso di arrestare alcuni terroristi, forse legati all'Isis, che preparavano attentati

Foto tratta dal profilo Twitter

Libano, diplomatica britannica strangolata dopo violenza sessuale

Il suo cadavere è stato trovato sul ciglio di una strada

Igor interrogato in Spagna: "Accetto processo in Italia"

Intanto, è caccia alla rete di complici che hanno concesso a Igor il russo di trasferirsi dall'Italia fino in Spagna