Giovedì 24 Novembre 2016 - 16:30

Tweet contro Renzi e Pd: a scriverli era la moglie di Brunetta

La donna utilizzava l'account 'Beatrice Di Maio' all'insaputa del marito

Tweet contro Renzi e Pd: a scriverli era la moglie di Brunetta

Svelato l'arcano. Dietro l'account Beatrice Di Maio, 'star della galassia social' e autrice di numerosi tweet velenosi contro Renzi e il Pd, si nasconde Titti Brunetta, moglie del capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato. A rivelarlo è Libero, che ha raccolto le confessioni della donna, attivissima in questi mesi su Twitter attraverso il falso account ritenuto (erroneamente) legato al M5S.

LEGGI ANCHE Propaganda web pro M5S: interrogazione Pd a governo

"Ho deciso da sola di entrare su Twitter, di usare ovviamente un nick name...", racconta Titti nel corso dell'intervista. "Quello che pensavo ho scritto, sempre con ironia. Molte volte si trattava di battute, di satira, con la libertà tipica della rete. Non ho giocato, ero io con il mio animo, le mie passioni politiche, il mio impegno civile e i miei rapporti di affettività. Io sono Bea e porto nel cuore questa esperienza...".

Ma Brunetta marito sapeva qualcosa della sua attività? Titti è molto chiara sul punto e sostiene di averglielo rivelato solo qualche sera fa. "Eravamo davanti alla tv io e Renato. "Stavamo vedendo Enrico Mentana che nel suo tg stava facendo vedere una foto dei tweet di Beatrice di Maio. Raccontava che il M5S diceva di non saperne niente e faceva un appello a Bea di venire fuori, rivelare la sua identità. A quel punto ho guardato mio marito e gli ho detto: 'Amore, ti dovrei dire una cosa...'. C' era una signora a tavola con noi, e non volevo farlo davanti a lei. Ho trascinato Renato in camera e ho confessato: 'Beatrice di Maio sono io'".

La donna, in ogni caso, difende il suo attivismo sui social. "Sono orgogliosa di ogni cosa che ho scritto. Ho le mie idee, non c' entrano con mio marito. Bea era il mio impegno civile". 

E sulla denuncia per diffamazione partita dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Luca Lotti, afferma: "Ho sbagliato su Lotti? Chiedo scusa, e se dovrò risponderne, ne risponderò".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Italicum, la Corte costituzionale deciderà il 24 gennaio. M5S: Dopo si vada al voto

Italicum, la Corte costituzionale deciderà il 24 gennaio. M5S: Dopo si vada al voto

I 5 Stelle propongono che si usi l'Italicum anche per eleggere il Senato

Manovra, domani fiducia in Senato: alle 14.30 prima chiama

Manovra, domani fiducia in Senato: alle 14.30 prima chiama

Dopo la fiducia si passa al voto sulla seconda sezione della legge di Bilancio

Prodi si sfila: Parroco non torni in parrocchia neanche per confessare

Prodi si sfila: Parroco non torni in parrocchia neanche per confessare

L'ex premier ironizza sulla possibilità di tornare al governo come 'traghettatore'