Martedì 08 Novembre 2016 - 16:15

"Tutti tranne il disabile", la gaffe su Facebook di Renzi

Il responsabile social si è scusato: "Temevo strumentalizzazione"

"Tutti tranne il disabile", la gaffe su Facebook di Renzi

Un'indicazione (forse un appunto) pubblicata per un attimo sull'account ufficiale di Matteo Renzi scatena il putiferio sui social. Sul profilo del premier è comparsa la frase "Tutte tranne il disabile", come commento a un post con le immagini della visita ad Alessandria. L'errore non è sfuggito al mondo della rete e si è scatenato un putiferio. "La foto col disabile no. Abbiamo il social media manager dell'anno", scrive, per esempio, Selvaggia Lucarelli.

Poco dopo è arrivata la risposta del social manager di Renzi, Franco Bellacci, che ha spiegato: "Sono stato io a fare indicazione di non mettere la foto scattata ad Alessandria con il disabile sulla pagina di Matteo Renzi. È una bella foto, ma temevo le solite accuse di strumentalizzare la disabilità. Tutte le volte che Matteo posta foto con disabile i commenti sono in maggioranza contrari accusandolo di strumentalizzare. Tutto qui".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi