Lunedì 17 Aprile 2017 - 08:00

Turchia, Erdogan vince di un soffio, protesta l'opposizione

Il fronte favorevole si attesta al 51,36%. Al 48,64% il popolo del 'no', che annuncia: "Contesteremo 2/3 delle schede"

Turchia, vittoria di misura per la riforma di Erdogan, protesta l'opposizione

"Ci sarà un'unica bandiera, un'unica nazione e soprattutto un unico popolo". Nel discorso tenuto in serata, quando ormai il risultato del voto sembra segnato, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si appella prima di tutto all'unità nazionale. Per poi lanciare un messaggio rivolto anche all'esterno: "Soprattutto Paesi che consideriamo alleati dovrebbero rispettare le nostre scelte". Mentre Erdogan parla, i media locali indicano che col 99,33% delle schede scrutinate il fronte favorevole alla riforma costituzionale si attesta al 51,36%, rispetto al 48,64% del "no". Un divario ormai irrecuperabile dal punto di vista puramente aritmetico. Anche se nelle province delle tre maggiori città - Istanbul, Ankara e Smirne - la maggioranza degli elettori si è opposta alla trasformazione in senso presidenziale di una repubblica che dal 1924, anno della sua fondazione a opera di Mustafa Kemal Ataturk, si basava su un sistema parlamentare.

Poco prima del presidente, a parlare in pubblico dal balcone della sede del partito di governo - l'Akp - era stato quello che, a risultato confermato, passerà alla storia come l'ultimo primo ministro della Turchia, dal momento che la carica sarà cancellata a partire dalle elezioni del 2019. "Siamo una nazione, la Turchia sta aprendo una nuova pagina nella sua storia democratica", ha detto il premier Binali Yildrim, dopo aver confermato il vantaggio non ufficiale del "sì", a fronte tra l'altro di una affluenza più che notevole, visto che alle urne si presentato oltre l'85% degli aventi diritto al voto. Ancora prima, a parlare di un "successo innegabile" - secondo quanto riferito da Reuters - era stato Devlet Bahceli, leader del partito nazionalista Mhp, che si trova all'opposizione ma ha sostenuto la campagna per il "sì" lanciata da Erdogan.

Una posizione che il fronte del "no" non pare comunque intenzionato a sottoscrivere. "Contesteremo 2/3 delle schede. I nostri dati indicano una manipolazione nell'intervallo del 3-4%", si legge sull'account Twitter del partito filo-curdo Hdp, "finché le nostre obiezioni non riceveranno piena risposta, il risultato del referendum non è definitivo". Sulla stessa linea anche il principale partito d'opposizione, il Partito Popolare Repubblicano (Chp), che - secondo quanto riferito dai giornali turchi - si prepara a sua volta a contestare la validità dello scrutinio. A far parlare di irregolarità i contrari alla riforma è la decisione comunicata oggi dalla commissione elettorale di considerare valide anche le schede non timbrate dai funzionari, a meno che non vi fossero prove di falsificazione.

Se Erdogan ha chiesto a tutti, alleati in primis, di rispettare l'esito del voto, a livello internazionale si registra per ora una certa cautela nei commenti, ben rappresentata dalle dichiarazioni rilasciate sempre a mezzo Twitter dal ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel. "E' bene che una campagna elettorale condotta in modo così esasperato, ora anche in Germania, sia finita", ha cinguettato Gabriel poco dopo la chiusura delle urne, sottolineando che "qualunque sarà il risultato del voto in Turchia, faremo bene a mantenere la calma e a procedere con prudenza".

Scritto da 
  • Marco Valsecchi
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Trump all'Iran: "Non minacciateci mai più, fate attenzione"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: due morti e 13 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"