Lunedì 17 Aprile 2017 - 08:00

Turchia, Erdogan vince di un soffio, protesta l'opposizione

Il fronte favorevole si attesta al 51,36%. Al 48,64% il popolo del 'no', che annuncia: "Contesteremo 2/3 delle schede"

Turchia, vittoria di misura per la riforma di Erdogan, protesta l'opposizione

"Ci sarà un'unica bandiera, un'unica nazione e soprattutto un unico popolo". Nel discorso tenuto in serata, quando ormai il risultato del voto sembra segnato, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si appella prima di tutto all'unità nazionale. Per poi lanciare un messaggio rivolto anche all'esterno: "Soprattutto Paesi che consideriamo alleati dovrebbero rispettare le nostre scelte". Mentre Erdogan parla, i media locali indicano che col 99,33% delle schede scrutinate il fronte favorevole alla riforma costituzionale si attesta al 51,36%, rispetto al 48,64% del "no". Un divario ormai irrecuperabile dal punto di vista puramente aritmetico. Anche se nelle province delle tre maggiori città - Istanbul, Ankara e Smirne - la maggioranza degli elettori si è opposta alla trasformazione in senso presidenziale di una repubblica che dal 1924, anno della sua fondazione a opera di Mustafa Kemal Ataturk, si basava su un sistema parlamentare.

Poco prima del presidente, a parlare in pubblico dal balcone della sede del partito di governo - l'Akp - era stato quello che, a risultato confermato, passerà alla storia come l'ultimo primo ministro della Turchia, dal momento che la carica sarà cancellata a partire dalle elezioni del 2019. "Siamo una nazione, la Turchia sta aprendo una nuova pagina nella sua storia democratica", ha detto il premier Binali Yildrim, dopo aver confermato il vantaggio non ufficiale del "sì", a fronte tra l'altro di una affluenza più che notevole, visto che alle urne si presentato oltre l'85% degli aventi diritto al voto. Ancora prima, a parlare di un "successo innegabile" - secondo quanto riferito da Reuters - era stato Devlet Bahceli, leader del partito nazionalista Mhp, che si trova all'opposizione ma ha sostenuto la campagna per il "sì" lanciata da Erdogan.

Una posizione che il fronte del "no" non pare comunque intenzionato a sottoscrivere. "Contesteremo 2/3 delle schede. I nostri dati indicano una manipolazione nell'intervallo del 3-4%", si legge sull'account Twitter del partito filo-curdo Hdp, "finché le nostre obiezioni non riceveranno piena risposta, il risultato del referendum non è definitivo". Sulla stessa linea anche il principale partito d'opposizione, il Partito Popolare Repubblicano (Chp), che - secondo quanto riferito dai giornali turchi - si prepara a sua volta a contestare la validità dello scrutinio. A far parlare di irregolarità i contrari alla riforma è la decisione comunicata oggi dalla commissione elettorale di considerare valide anche le schede non timbrate dai funzionari, a meno che non vi fossero prove di falsificazione.

Se Erdogan ha chiesto a tutti, alleati in primis, di rispettare l'esito del voto, a livello internazionale si registra per ora una certa cautela nei commenti, ben rappresentata dalle dichiarazioni rilasciate sempre a mezzo Twitter dal ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel. "E' bene che una campagna elettorale condotta in modo così esasperato, ora anche in Germania, sia finita", ha cinguettato Gabriel poco dopo la chiusura delle urne, sottolineando che "qualunque sarà il risultato del voto in Turchia, faremo bene a mantenere la calma e a procedere con prudenza".

Scritto da 
  • Marco Valsecchi
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Russiagate, da Mueller mandato comparizione per Bannon

L'ex capo stratega della Casa Bianca chiamato per testimoniare davanti a un grand jury sui possibili legami fra lo staff di Trump e la Russia durante la campagna elettorale

Papa Francesco in Cile

Cile, altre 3 chiese attaccate all'alba: 9 da scorsa settimana

Gli ultimi attacchi incendiari qualche ora dopo l'arrivo di Papa Francesco.

Papa Francesco Incontro con le Autorità, con la Società civile di Santiago

Cile, Papa chiede perdono per scandali pedofilia: "Vergogna, non si ripeta"

Il pontefice parlando alle autorità cilene nel Palacio de la Moneda di Santiago su decenni di episodi perpetrati da sacerdoti

Verginità all'asta per pagarsi gli studi: 18enne italiana raccoglie 1 milione di euro

Vuole studiare a Cambridge, acquistare una casa e viaggiare: perciò ha preso la decisione di vendersi sul web. The Sun l'ha sentita e assicura che non è un falso