Sabato 12 Marzo 2016 - 16:45

Turchia, torna legale il biliardino: era vietato dal 1968

La legge includeva il biliardino fra i giochi proibiti con pene comprese fra uno e cinque anni di carcere

Turchia, torna legale il biliardino: era vietato dal 1968

In Turchia torna legale il calcio balilla, che era vietato da 48 anni, dal 1968. Lo riporta il quotidiano Milliyet, spiegando che la legalizzazione è giunta con una nota ufficiale del ministero del Commercio e della dogana. In una sentenza del 13 gennaio scorso la Corte costituzionale aveva già deciso di annullare la legge che includeva il biliardino fra i giochi proibiti con pene comprese fra uno e cinque anni di carcere. 

Dal 1968 il gioco da tavola era incluso nella categoria dei giochi d'azzardo e roulette, come anche il 'flipper', considerati dannosi per la società. La Corte costituzionale ha stabilito però che il biliardino serve a esercitare "attitudini manuali", ragion per cui il divieto è stato annullato. E la decisione è stata ora ratificata appunto dal ministero del Commercio, che ne consente anche l'importazione. Roulette e simili giochi d'azzardo, come i casinò, sono vietati in Turchia, dove la polizia compie regolarmente retate contro locali di gioco clandestino.
Non rientrano però in questa categoria i giochi di carte o il più popolare 'tavla', una sorta di backgammon, in cui si gioca con i dadi.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Goteborg, scontri ad una marcia dell'estrema destra

Svezia, bomba esplode davanti a stazione della polizia

È accaduto a Helsingborg, nel sud della Svezia. Per il momento non sembrerebbero esserci vittime

Cina, Xi: "Pronti a diventare un grande Paese socialista moderno"

Cina, Xi: "Pronti a diventare un grande Paese socialista moderno"

E sull'economia annuncia: "Puntiamo ad avere tassi d'interesse e i tassi di cambio più basati sul mercato"

Nigeria, bombe a Abuja

Nigeria, liberato don Pallù. Alfano: "Sta bene"

Il sacerdote della diocesi di Roma era da tre anni in missione nel Paese africano. Gioisce la parrocchia di San Bartolomeo

Il direttore di Amazon Studios si dimette per accuse di molestie sessuali

Avrebbe inoltre ignorato le denunce di un'attrice su abusi sessuali che avrebbe subito da Weinstein