Mercoledì 26 Aprile 2017 - 11:45

Turchia, 3224 mandati di arresto per sostenitori di Gulem

Oltre mille persone sono già state arrestate

Turchia, nella notte 800 arresti tra i sostenitori di Gulen

La Turchia ha emesso mandati di detenzione per 3.224 persone sospettate di avere collegamenti con il predicatore trasferitosi negli Stati Uniti Fethullah Gulen in relazione al fallito colpo di stato del luglio scorso. Lo riferiscono i canali NTV e la Cnn turca. Più di mille di questi sospettati, secondo NTV, sono già stati arrestati. Quella di oggi è una delle operazioni più vaste  contro la rete ritenuta dal governo turco responsabile del colpo di stato fallito a luglio del 2016.

Nella notte erano state arrestate oltre 800 persone, sospettate di essere legate a Gulen, sono state arrestate. I mandati di arresto hanno riguardato mille persone, 803 sono finite in manette nel corso delle operazioni, svolte in tutte le 81 province turche. Gli arrestati sarebbero stati portati nella capitale Ankara.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, il racconto di un italiano: "È stato terribile"

Alessio Stazi, un ragazzo italiano, era sulle Ramblas durante l'attentato e racconta su Facebook la paura e la rabbia

Roma, la photocall del film 'Tutte Lo Vogliono'

Attentato a Barcellona, il cordoglio delle celebrità. Incontrada: "Terrore nel mio cuore"

Non solo Vanessa Incontrada. Da Jennifer Lopez a Fedez, gli artisti inviano amore e preghiere alle vittime e le loro famiglie

Segretario della Lega Nord Matteo Salvini partecipa al presidio per la chiusura della moschea di via Cavalcanti

Attentato a Barcellona, le reazioni della politica italiana. Salvini: "Niente pietà per questi vermi"

Il pensiero dei politici italiani a Barcellona, dopo l'attentato sulle Ramblas

Barcellona, auto sulla folla sulla Rambla

Attentato a Barcellona, van contro folla sulle Ramblas. Almeno 13 morti e 100 feriti

Isis rivendica l'attacco. La Farnesina conferma che c'è il rischio che alcuni italiani siano coinvolti