Venerdì 12 Agosto 2016 - 13:45

Turchia, Gülen: Io colpevole? Se a dirlo sarà indagine internazionale, mi consegnerò

Intanto l'imam, considerato l'istigatore del golpe fallito del 15 luglio, continua a rigettare ogni accusa

Fethullah Gulen

L'imam Fethullah Gülen, considerato dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan istigatore del golpe fallito del 15 luglio, ha rigettato ogni accusa e ha annunciato che si consegnerà alle autorità turche solo se una commissione internazionale indipendente indagherà sul caso e lo dichiarerà colpevole. "Se una decima parte delle accuse rivolte contro di me saranno dimostrate, allora mi impegno a tornare in Turchia e a scontare la pena più pesante", ha dichiarato il predicatore intervistato dal quotidiano francese Le Monde.

LEGGI ANCHE Turchia, mandato d'arresto per ex calciatore Hakan Sukur

Secondo Gülen, "le probabilità di ottenere un processo equo in Turchia sono quasi nulle perché da ottobre 2014 il sistema giudiziario è sotto il controllo del potere".

Gülen ha ricordato che fin dall'inizio ha condannato il colpo di Stato e che il suo movimento, Hizmet, si propone di non salire al potere. Anzi, si è sempre opposto all'intervento dei militari nella vita politica del Paese. "Se alcuni seguaci del mio movimento sono stati coinvolti nel colpo di stato sono traditori", ha ribadito,  che "hanno danneggiato l'unità e l'integrità del Paese" e "dovrebbe essere puniti con la pena che meritano nel contesto di un processo equo".

Gülen ha inoltre accusato Erdogan di aver approfittato del tentato golpe per aumentare la repressione contro la sua organizzazione, nata nel 2013, vista la "fretta" con cui il presidente lo ha incolpato di essere l'organizzatore del colpo di stato, quando ancora i dettagli non erano chiari. "Questo tentativo di golpe è l'occasione del potere turco di provare tutte le accuse rivolte contro di me", ha dichiarato a Le Monde.

"Erdogan sta attuando un genocidio contro i membri della mia organizzazione". "Quasi 90mila persone hanno perso il lavoro, 21mila insegnanti si sono visti revocare la loro licenza", ha spiegato, senza contare "la confisca di beni, il blocco dei conti bancari e l'annullamento del passaporto". Questo costituisce "un dramma umanitario".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Laurent Wauquiez, the front-runner for the leadership of French conservative party "Les Republicains" (The Republicans) attends a political rally in Saint-Priest

Francia, Wauquiez prende il posto di Sarkozy: "Ricostruirò centrodestra"

È il nuovo leader dei "Republicains" e ora dovrà ricostruire una realtà politica ancora scossa dal fatto di non essere riuscita, per la prima volta nella Quinta Repubblica, ad arrivare al ballottaggio per la presidenza

New York, esplosione a fermata degli autobus di Manhattan

Esplosione a Nyc, un arrestato con giubbotto esplosivo. "Era collegato all'Isis"

Tra la 42esima strada e la 8th Avenue. L'attentatore rimasto ferito da un tubo-bomba. Si chiama Akayed Ullah, ha 27 anni, originario del Bangladesh

Russian President Vladimir Putin addresses officials of Rostec high-technology state corporation at the Novo-Ogaryovo state residence outside Moscow

Putin ordina il ritiro delle truppe russe dalla Siria

Il presidente ha avuto un colloquio a sorpresa con il suo omologo siriano Bashar al-Assad

Saudi Arabia's King Salman bin Abdulaziz Al Saud presides over a cabinet meeting in Riyadh

Nuova svolta in Arabia Saudita: riaprono i cinema dopo 35 anni

Dopo le donne alla guida, il re Salman decide di riaprire le sale cinematografiche vietate dagli anni '80