Giovedì 24 Novembre 2016 - 09:00

Turchia, governo licenzia 10mila lavoratori statali per legami Pkk

Dal fallito golpe sono oltre 125mila i dipendenti pubblici allontanati

Turchia, governo licenzia 10mila lavoratori statali per legami Pkk

Nuovi licenziamenti tra i dipendenti statali in Turchia. Il ministro del Lavoro Mehmet Muezzinoglu, nel corso di un'intervista alla Cnn turca, ha fatto sapere che oltre 10.500 impiegati pubblici sono stati licenziati per sospetti legami con il Partito dei lavoratori curdi Pkk. Dal fallito colpo di Stato di luglio in Turchia contro il presidente Erdogan sono oltre 125mila i dipendenti statali licenziati o sospesi dal governo. Intanto, un'esplosione ha investito l'edificio del governo della città di Adana, nel sud del Paese. Il governatore provinciale Mahmut Demirtas ha fatto sapere che "un veicolo pieno di esplosivo è saltato in aria vicino all'entrata dell'ufficio del governo alle 8.05 ora locale", le 6.05 in Italia. L'attacco, secondo il governo, che ha parlato per bocca del ministro del Lavoro Mehmet Muezzinoglu, è stato probabilmente portato a termine dai militanti del Pkk. 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont è a Copenaghen: rischia l'arresto

La procura spagnola chiede mandato arresto Ue per l'ex governatore

Germania, Spd in congresso straordinario a Bonn

Germania, da Spd sì a coalizione con Merkel. Schulz: "Abbiamo lottato per maggioranza"

Luce verde ai negoziati formali per formare una Grosse Koalition con i conservatori: 362 favorevoli e 279 contrari

Iraq, ondata di autobombe a Baghdad

Cittadina tedesca affiliata all'Isis condannata a morte in Iraq

È la prima volta che il Paese emette una sentenza di questo tipo nei confronti di una donna europea

Papa Francesco in Perù

Pedofilia, O'Malley critica il Papa: "Addolora sua difesa di Barros"

Il cardinale di Boston presidente della commissione della Santa sede contro gli abusi sui minori prende le distanze da Bergoglio