Domenica 17 Luglio 2016 - 16:45

Erdogan a cittadini: La prossima settimana restate nelle strade

Il presidente turco lancia appello ai suoi sostenitori e accua l'organizzazione terrorista Fethullah Gulen

Erdogan

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha lanciato un nuovo appello ai cittadini perché restino nelle strade della Turchia la prossima settimana, dopo il fallito colpo di stato. "Questa settimana è molto importante, non abbandonate le piazze, non rilassatevi", ha detto rivolgendosi alla popolazione, dopo i funerali di alcune vittime del fallito golpe. Ha anche ribadito la sua accusa alla "organizzazione terrorista di Fethullah Gulen" di essere responsabile del fallito golpe. Secondo Erdogan, la rete di Gulen si sarebbe infiltrata in tutte le istituzioni statali, dall'esercito alla magistratura, cosa che richiede una "ripulitura" e che ha già portato a migliaia di arresti.

Sono già oltre 6mila gli arresti effettuati per il golpe. Il suo discorso è stato interrotto da grida del pubblico presente, come: "Vogliamo delle condanne a morte". Erdogan ha risposto: "Le domande della gente nella democrazia non possono essere ignorate. Le richieste vengono discusse dalle istituzioni, faremo tutto quel che sarà necessario".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, affondato un barcone al largo delle coste libiche

Migranti, Gentiloni attacca: "Inaccettabile indisponibilità di alcuni Paesi"

Il premier al vertice Ue di Bruxelles: "Le regole non sono optional". Unicef: "400 bambini annegati nel Mediterraneo nel 2017"

Olanda, accoltellamento a Maastricht: almeno due morti

Diverse persone ferite nella città al confine tra Belgio e Olanda. Non si sa se si tratta di terrorismo

Francia, treno travolge scuolabus vicino a Perpignan

Francia, scontro treno-scuolabus vicino Perpignan: morti quattro adolescenti

Il pullman che trasportava i ragazzini dal liceo di Millas spaccato a metà nell'impatto, come feriscono alcuni testimoni

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido