Sabato 29 Aprile 2017 - 10:00

Turchia, Ankara blocca accesso a Wikipedia

Lo segnala un gruppo di monitoraggio delle attività online, Turkey Blocks. Ankara aveva già bloccato gli accessi a Twitter e Facebook

Wikipedia 15th anniversary

Le autorità turche hanno bloccato l'accesso all'enciclopedia on-line Wikipedia, nell'ultimo atto contro la libertà di espressione su internet. Lo segnala un gruppo di monitoraggio delle attività online, Turkey Blocks, spiegando che l'accesso a tutte le edizioni in lingua di Wikipedia è stato bloccato intorno alle 8 locali (le 7 in Italia). "La perdita dell'accesso è coerente con i filtri per internet usati per censurare i contenuti nel Paese", si legge sul sito del gruppo.
Infatti, quando si cerca di accedere alla pagina usando un server turco gli utenti ricevono un avviso in cui si precisa che non è possibile raggiungere il sito per un 'errore di connessione'.
Molti gruppi di monitoraggio hanno accusato Ankara di bloccare l'accesso ai social network come Twitter e Facebook, soprattutto a seguito di attacchi terroristici. Non sono ancora chiare le motivazioni del blocco di oggi.

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco in visita a Temuco

Cile, Papa condanna frange estremiste nativi: "No riconoscimento a prezzo vite"

Continua il viaggio di papa Francesco in Cile. Il pontefice ha celebrato la santa messa davanti alle rappresentanze delle popolazioni indigene originarie dell'Araucanìa

Catalogna: si riunisce il nuovo Parlamento

Catalogna, indipendentista Torrent eletto presidente Parlament

È stato eletto con 65 voti a favore e 56 contrari

Russiagate, da Mueller mandato comparizione per Bannon

L'ex capo stratega della Casa Bianca chiamato per testimoniare davanti a un grand jury sui possibili legami fra lo staff di Trump e la Russia durante la campagna elettorale

Papa Francesco in Cile

Cile, altre 3 chiese attaccate all'alba: 9 da scorsa settimana

Gli ultimi attacchi incendiari qualche ora dopo l'arrivo di Papa Francesco.