Lunedì 07 Agosto 2017 - 13:15

Turchia, arrestati cinque sospetti militanti dell'Isis

Blitz a Istanbul. Sotto sequestro tre pistole e diversi computer

Turchia, arrestati cinque sospetti militanti dell'Isis

Cinque cittadini stranieri sono stati arrestati oggi a Istanbul come sospetti membri dell'Isis. Lo hanno riferito i media turchi. L'operazione è stata eseguita dall'intelligence turca e dalla polizia anti-terrorismo nel distretto Basaksehir, sul lato europeo della città. Le nazionalità degli arrestati, a cui sono state sequestrati 3 pistole e diversi computer, non sono state rivelate. Dieci giorni fa erano stati arrestati altri 23 sospetti membri dello Stato islamico a Istanbul.

L'ultimo attacco jihadista sul suolo turco è quello della notte di Capodanno, quando un sospetto militante dell'Isis ha ucciso 39 persone nella discoteca Reina di Istanbul. Il presunto aggressore, un cittadino uzbeko, è stato arrestato alcuni giorni dopo.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A soldier stands guard at the Angoor Adda outpost along the border fence on the border with Afghanistan in South Waziristan

Afghanistan, Isis rivendica attacco in moschea sciita a Kabul

Nessuna prova è stata fornita a sostegno della rivendicazione

GER, UEFA CL, FC Bayern Muenchen vs Real Madrid

Monaco di Baviera, uomo attacca con un coltello e scappa: diversi feriti

Non è ancora chiaro se sia terrorismo. La polizia è sulle tracce dell'uomo, di circa 40 anni, fuggito su una bicicletta

FILE PHOTO: A supporter of President Abdel Fattah al-Sisi walks in front of riot police after they closed streets during a demonstration protesting the government's decision to transfer two Red Sea islands to Saudi Arabia, in front of the Press Syndica

Egitto, insurrezione estremisti islamici: morti almeno 52 poliziotti

Gli agenti avevano tentato un blitz contro i terroristi

Princess of Asturias Awards 2017 in Oviedo

Catalogna, re Felipe: "È e sarà parte Spagna, secessione inaccettabile"

Un nuovo messaggio del monarca alla vigilia dell'applicazione dell'articolo 155 da parte del governo Rajoy