Venerdì 14 Luglio 2017 - 22:00

Turchia, altra ondata di purghe: oltre settemila licenziamenti

Via poliziotti, funzionari e accademici. L'ultimo decreto alla vigilia del primo anniversario del golpe

Turchia, altra ondata di purghe: settemila licenziamenti

La Turchia ha licenziato più di 7.000 poliziotti, funzionari e accademici oggi, alla vigilia dell'anniversario del colpo di Stato dello scorso anno.
L'ultimo decreto fa parte di una crisi causata dal golpe fallito, che la Turchia sostiene sia stato organizzato dal religioso islamico Fethullah Gulen, un ex alleato del presidente Tayyip Erdogan. Gulen nega l'accusa.
In tutto, la Turchia ha licenziato o sospeso più di 150.000 funzionari e ha arrestato circa 50.000 persone fra cui militari, poliziotti, magistrati, accademici.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont sospende l'indipendenza e apre ai negoziati Madrid

Catalogna, carcere ai leader indipendentisti Sanchez e Cuixart

Puigdemont: Sono detenuti politici. Il governatore glissa su indipendenza, ma Rajoy non ci sta

Malta, giornalista uccisa in esplosione auto. Premier: Voglio giustizia

Stava guidando verso Mosta quando l'auto è esplosa, la donna è morta sul colpo

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

I peshmerga: "Il governo pagherà un prezzo alto per aver fatto la guerra al nostro popolo"

Madrid, udienza per il comandante dei Mossos d'Esquadra catalani

Catalogna, procura chiede il carcere per il capo dei Mossos d'Esquadra

Josep Lluis Trapero è indagato per sedizione assieme all'intendente Teresa Laplana