Venerdì 14 Luglio 2017 - 22:00

Turchia, altra ondata di purghe: oltre settemila licenziamenti

Via poliziotti, funzionari e accademici. L'ultimo decreto alla vigilia del primo anniversario del golpe

Turchia, altra ondata di purghe: settemila licenziamenti

La Turchia ha licenziato più di 7.000 poliziotti, funzionari e accademici oggi, alla vigilia dell'anniversario del colpo di Stato dello scorso anno.
L'ultimo decreto fa parte di una crisi causata dal golpe fallito, che la Turchia sostiene sia stato organizzato dal religioso islamico Fethullah Gulen, un ex alleato del presidente Tayyip Erdogan. Gulen nega l'accusa.
In tutto, la Turchia ha licenziato o sospeso più di 150.000 funzionari e ha arrestato circa 50.000 persone fra cui militari, poliziotti, magistrati, accademici.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Barack Obama alle Nelson Mandela Annual Lecture 2018

Al 'Mandela speech' Obama attacca Trump: "No a politica della paura"

L'ex presidente Usa, in Sudafrica in occasione dei 100 anni dalla nascita del leader antiapartheid, si è scagliato poi contro la politica degli "uomini forti"

Accordo di libero scambio Ue-Giappone. Tusk: "Messaggio contro protezionismo"

La storica intesa permetterà all'85% dei prodotti agroalimentari europei di entrare nel Paese senza dazi doganali

Tunisia.Rifugiati libici

Libia, 100 migranti chiusi in un tir: sei bimbi e due adulti morti soffocati

Le vittime, secondo quanto riportano le autorità libiche, sono morte a causa dei fumi della benzina

Thailandia, Musk attacca sub: "Pedofilo". Lui pronto a fare causa

Le accuse dell'ad di Tesla dopo che il sommozzatore ha bocciato la sua offerta di fornire un sottomarino in miniatura per estrarre i calciatori