Venerdì 14 Luglio 2017 - 22:00

Turchia, altra ondata di purghe: oltre settemila licenziamenti

Via poliziotti, funzionari e accademici. L'ultimo decreto alla vigilia del primo anniversario del golpe

Turchia, altra ondata di purghe: settemila licenziamenti

La Turchia ha licenziato più di 7.000 poliziotti, funzionari e accademici oggi, alla vigilia dell'anniversario del colpo di Stato dello scorso anno.
L'ultimo decreto fa parte di una crisi causata dal golpe fallito, che la Turchia sostiene sia stato organizzato dal religioso islamico Fethullah Gulen, un ex alleato del presidente Tayyip Erdogan. Gulen nega l'accusa.
In tutto, la Turchia ha licenziato o sospeso più di 150.000 funzionari e ha arrestato circa 50.000 persone fra cui militari, poliziotti, magistrati, accademici.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, padre di Bruno: "Mio nipote salvo per mia nuora"

Il racconto del papà di Gulotta, il 35enne italiano morto nell'attentato terroristico sulle Ramblas: "Mi sento vuoto"

FILE PHOTO: National Constituent Assembly's President Delcy Rodriguez speaks during a session of the assembly at Palacio Federal Legislativo in Caracas

Venezuela, parlamento rifiuta 'scioglimento' da Costituente

L'assemblea eletta lo scorso 30 luglio ha approvato oggi un decreto con cui assume il potere di votare le leggi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie