Venerdì 21 Aprile 2017 - 11:30

Turchia, Alfano: Del Grande sta bene, ma è in sciopero della fame

Oggi il giornalista ha incontrato il suo legale e il console italiano

Turchia, Alfano: Del Grande sta bene, ma è in sciopero della fame

"Ci risulta che Gabriele Del Grande stia bene e stia facendo uno sciopero della fame nutrendosi solamente di liquidi, ha comunque l'assistenza di un medico che ho richiesto e ottenuto dalle autorità turche". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano alla Farnesina. 

Oggi, nel centro di detenzione amministrativa di Mugla, sulla costa dell'Egeo, si svolge l'incontro tra il giornalista lucchese, fermato il 9 aprile al confine con la Siria, e il suo legale turco accompagnato dal console italiano a Smirne, Luigi Iannuzzi. Del Grande non aveva ancora avuto modo di incontrare un legale. Gli amici e i familiari di Gabriele, sulla pagina Facebook 'Io sto con la sposa', dicono di essere "con il fiato sospeso" in attesa di conoscere l'esito dell'incontro.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ischia, è polemica su case abusive: "Non si può morire per sisma 4.0"

Ischia, è polemica su case abusive: "Non si può morire per sisma 4.0"

"In molti casi è stato accertato che viene utilizzato cemento impoverito", accusa l'ex procuratore aggiunto di Napoli Aldo De Chiara

Scossa di terremoto ad Ischia: danni e crolli

Ischia 'colpita' 12 volte: nel 1980 sisma più forte ma senza danni

Il terremoto del 28 luglio 1883 causò più di 2000 vittime perché capitò nel pieno della stagione turistica

Pamela Anderson si schiera con cetacei: Chiudete Marineland ad Antibes

Pamela Anderson si schiera con cetacei: Chiudete Marineland ad Antibes

Si è fatta immortalare davanti a un manifesto del parco con un cartello dell'associazione animalista Peta

Barcellona, l'arrestato rivela: "Obiettivo era grande esplosione in Sagrada Familia"

Barcellona, l'arrestato: "Obiettivo era esplosione in Sagrada Familia"

Mohamed Houli Chemlal ha dichiarato davanti ai giudici che l'intenzione iniziale del gruppo era compiere un attentato di maggiori dimensioni