Domenica 07 Agosto 2016 - 18:30

Istanbul, oltre 1 milione di turchi a raduno 'antigolpista'

Una delle manifestazioni più grandi della storia turca

Turchia, manifestazione pro Erdogan a Istanbul

Sono oltre un milione i cittadini turchi che hanno risposto alla chiamata del presidente Recep Tayyip Erdogan e si sono riversati a Yenikapi, zona costiera della parte europea di Istanbul, per il 'Raduno per la democrazia e i martiri'. Una nuova dimostrazione di forza del presidente dopo il golpe fallito del 15 luglio che per la prima volta da decenni ha riunito anche i principali partiti di opposizione, tranne la formazione pro-curda Hdp.
L'evento viene trasmesso in diretta su schermi pubblici in manifestazioni analoghe in tutte le 81 province della Turchia. La manifestazione potrebbe diventare la più grande della storia del Paese.

"GULEN TERRORISTA, LA PAGHERA'". "Gulen verrà in Turchia e pagherà per quello che ha fatto", ha assicurato il premier turco  Binali Yildirim, durante il corteo, facendo riferimento all'imam turco Fethullah Gulen, autoesiliatosi negli Stati Uniti dal 1999, che le autorità di Ankara considerano responsabile del colpo di Stato militare e per cui hanno chiesto l'estradizione agli Usa.

E il presidente turco rincara la dose. "L'organizzazione di Gulen è un'organizzazione terroristica e voi dovete essere orgogliosi di aver combattuto per la libertà e l'indipendenza della Turchia", ha dichiarato Erdogan.

"Venendo qui avete creato un quadro meraviglioso di grande gloria e di grande unità. E questa unità è la fonte della nostra forza che dà fastidio ai nostri nemici.  Restiamo uniti, fratelli, noi siamo un unico popolo, il popolo della Turchia". "Queste immagini di unità danno fastidio a nemico ma noi lanciamo un segnale al nostro nemico e cioè che che verrà sconfitto".

L'INCONTRO PER LA DEMOCRAZIA E I MARTIRI. Indetto con il patrocinio di Erdogan, arrivato a Yenikapi in elicottero, e con l'appoggio del comune e del governatorato di Istanbul, "l'incontro per la democrazia e i martiri" ha l'obiettivo di esprimere il rifiuto popolare al tentativo fallito di colpo di Stato del 15 luglio. Anche se la manifestazione è stata annunciata e promossa da Erdogan, i leader dei due dei tre partiti di opposizione parteciperanno ugualmente convocando i loro sostenitori.

Il segretario del partito socialdemocratico Chp, Kemal Kiliçdaroglu, aveva inizialmente rifiutato di dividere la scena con i funzionari del governo ma venerdì ha annunciato la sua presenza tra i relatori dell'evento. Insieme a lui, il leader del partito ultranazionalista Mhp, Devlet Bahçeli, mentre il partito di sinistra procurdo Hdo, terza forza del Parlamento, non è stato neanche invitato.

Con l'evento di oggi si porrà fine alla cosiddetta 'guardia democratica', vale dire l'insieme di fedeli di Erdogan che notte dopo notte occupano numerose piazze del Paese, tra cui quella emblematica di piazza Taksim a Istanbul, per ascoltare discorsi di alti funzionari del governo, dal vivo o trasmessi da megaschermi.

Sul posto, sono state posizionate 2,5 milioni di bandierine turche, 1,5 milioni di cappellini e 5 milioni di bottigliette di acqua.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FRA, UEFA EL, Olympique Marseille vs Atletico Madrid

Francia, 32enne originario del Burkina Faso picchiato a morte da adolescenti

L'aggressione nel quartiere Saragosse venerdì sera. Massacrato da una gang di giovani, tra i 12 e 14 anni, che avrebbero usato anche il piede di una sedia di plastica

US-POLITICS-TRUMP-PRISON REFORM

Russiagate, Trump chiede inchiesta su spionaggio durante sua campagna

Il presidente Usa vuole fare chiarezza sulla possibile infiltrazione dell'amministrazione Obama

Lo chef Mario Batali coinvolto in un caso di molestie sessuali a passeggio per New York

Usa, nuove accuse di molestie e violenza contro lo chef Mario Batali

Avrebbe aggredito due ex dipendenti del ristorante newyorkese 'The Spotted Pig' sotto l'effetto di droghe e alcol

Venezuela,Maduro riconfermato presidente

Venezuela, rieletto Maduro. Ma l'opposizione grida ai brogli

Il presidente riconfermato fino al 2025. Gli avversari denunciano pressioni sugli elettori e chiedono una nuova consultazione