Giovedì 21 Gennaio 2016 - 12:00

Tunisia, primo morto in scontri di Kasserine: è agente

Gli scontri tra manifestanti e polizia, che ieri hanno infiammato la regione, sono proseguiti fino a tarda notte

Tunisia, scontri a Kasserine in proteste per diritto al lavoro

Si sono svegliate in una situazione di calma precaria in Tunisia le regioni di Kasserine e Sidi Bouzid, dove ieri gli scontri tra manifestanti e polizia sono proseguiti fino a tarda notte e hanno fatto registrare la prima vittima, un poliziotto, che secondo il ministero dell'Interno è morto a Feriana (nel governatorato di Kasserine) dopo essere stato aggredito dai dimostranti mentre provava a uscire dal veicolo. La vittima, identificata come Sofiène Bouslimi, di 25 anni e originario del governatorato di Jendouba, era in servizio con alcune unità della sicurezza che provavano a disperdere il corteo di Feriana. Nel governatorato di Kasserine i manifestanti hanno sfidato per la seconda sera il coprifuoco imposto martedì dalle 18 alle 5 del mattino: scontri sono stati registrati nei quartieri Ennour ed Ezzouhour di Kasserine, nonché nelle città di Sbiba, Foussana, Jedeliane e Feriana. Cortei di sera anche nella regione di Sidi Bouzid: precisamente a Menzel Bouzayane, Mazzouna e Regueb; in quest'ultima città gli scontri sono proseguiti fino alle 2 di mattina.

E nella notte le proteste hanno interessato anche la capitale Tunisi, dove nel quartiere del Kram - che si trova alla periferia nord della città - una cinquantina di persone hanno protestato a sostegno di Kasserine incendiando dei contenitori della spazzatura ed è intervenuta la polizia. Le proteste, partite da Kasserine la scorsa settimana per rivendicare il diritto al lavoro, si sono accese ulteriormente dopo che sabato un giovane disoccupato, Ridha Yahyaoui, è morto folgorato dopo essere salito su un palo della luce durante un sit-in minacciando il suicidio perché il suo nome era stato eliminato dalla lista di nuovi reclutati per un posto nel dipartimento regionale dell'Istruzione.

Da lì le proteste si sono estese a tutto il Paese, e ieri marce di solidarietà con Kasserine e in ricordo di Ridha Yahyaoui si sono tenute a Tunisi, Sidi Bouzid, Siliana, Zaghouan, Sousse, Kairouan, Kef ed El Fahs. Kasserine, che si trova nell'interno della Tunisia, vicino al confine con l'Algeria, è una delle regioni più povere del Paese. Ieri il governo nazionale, riunitosi d'urgenza, ha varato alcune misure a sostegno di sviluppo e lavoro nel governatorato, tra cui l'assunzione di oltre 6mila disoccupati, soprattutto giovani diplomati. Ma l'annuncio dei provvedimenti non sembra avere placato gli animi.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Afghanistan, kamikaze in due moschee

Afghanistan, attacco ad accademia militare Kabul: almeno 15 morti

Meno di 24 ore prima, due attacchi kamikaze hanno causato la morte di oltre 50 persone in due diverse moschee di Kabul

Catalogna, gli indipendentisti in piazza a Barcellona

Catalogna commissariata, Rajoy: "Il governo ha dovuto applicare l'articolo 155"

Per Madrid giustifica le azioni della Generalitat "colpiscono gravemente" l'interesse generale della Spagna

Afghanistan, kamikaze in due moschee

Afghanistan, Isis rivendica attacco in moschea sciita a Kabul

Nessuna prova è stata fornita a sostegno della rivendicazione

Attentato a Monaco, uomo armato di coltello aggredisce passanti

Monaco, uomo ferisce otto persone con un coltello: non è terrorismo

Non è ancora chiaro se sia terrorismo. La polizia ha arrestato un sospettato