Mercoledì 02 Novembre 2016 - 13:15

Tumore cerebrale del bambino, si può predire prognosi con test

Lo studio è il risultato di un lavoro condotto dalla dottoressa Daniela Chieffo

Tumore cerebrale del bambino, si può predire prognosi grazie a test

Neuropsicologi e neurochirurghi pediatrici della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli e della Facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università Cattolica di Roma hanno rilevato che con una valutazione neuro cognitiva in fase pre-operatoria è possibile ipotizzare una prognosi rispetto all'entità istologica di tumori cerebrali in età pediatrica (1 caso di neoplasia su 4, sono i più frequenti nei bambini dopo le leucemie). Reso noto sulla rivista "Child's Nervous System", lo studio è il risultato di un lavoro condotto dalla dottoressa Daniela Chieffo, neuropsicologa e psicoterapeuta della UOC di Neuropsichiatria Infantile del Gemelli. La ricerca è stata presentata in occasione dell'annuale Congresso della Società Internazionale di Neurochirurgia Pediatrica. L'esperta ha effettuato una valutazione neuro cognitiva prima e dopo intervento in un campione di 126 piccoli pazienti affetti da tumori cerebrali, poi operati dagli specialisti dell'UOC di Neurochirurgia Infantile del Policlinico A. Gemelli con istologia di tipo Astrocitoma pilocitico, Medulloblastoma, Ganglioglioma, PNET, Glioblastoma. 

Queste neoplasie vengono trattate chirurgicamente e successivamente con protocolli neuro oncologici specifici rispetto all'istologia di ciascuno paziente, rispettando il protocollo mondiale della Sanità secondo la classificazione della WHO (World Health Organization) 2007. I ricercatori hanno visto che valutando con test cognitivi ad hoc la presenza e l'entità di deficit o disturbi cognitivi alla diagnosi (e comunque in fase pre operatoria) è possibile fornire ai genitori possibili ipotesi sulla prognosi del bambino, ovvero su quale sarà l'andamento della malattia, anche suggerendo le migliori strategie rispetto all'approccio neurochirurgico che si deciderà di adottare.

"In particolare - spiega la dottoressa Chieffo - , dai risultati si evince che alcuni pazienti con diagnosi di tumore cerebrale presentano anche disordini specifici di entità diversa e che disturbi più significativi sono presenti in bambini con istologia di basso grado ovvero di lenta proliferazione, di conseguenza il bambino con istologia e caratterizzazione più aggressiva avrebbe un funzionamento maggiormente preservato e conservato". "L'ipotesi - conclude Chieffo - è che il tumore a lento accrescimento provocherebbe maggiormente nel tempo una riduzione o un arresto dei circuiti responsabili del funzionamento cognitivo, rispetto ad una malattia con proliferazione attiva che essendo recente rispetto alla diagnosi non provocherebbe al contrario un'alterazione dei circuiti responsabili".
 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Stress ossidativo, come combattere i danni dei raggi solari

Stress ossidativo, come combattere i danni dei raggi solari

I consigli del chirurgo Mirko Manola per preparare la pelle all'esposizione

I bambini piangono di più in Italia e Gb, meno in Germania

I neonati italiani sono più 'piagnoni' dei tedeschi

Lo afferma uno studio dell'università di Warwick

Hiv, professor Poli: Più fondi alla ricerca, Aids è ancora emergenza

Professor Poli: Più fondi a ricerca, Aids è ancora emergenza

Trent'anni fa fu approvato il primo farmaco contro il virus ma per gli studiosi c'è ancora tanta strada da fare

Il ministero della Salute lancia l'allarme sull'aumento del morbillo: Da gennaio +230%

Morbillo, il ministero della Salute lancia l'allarme: Aumento del 230%

Lorenzin: "Bisogna promuovere un'ulteriore campagna di responsabilizzazione sui vaccini"