Venerdì 21 Novembre 2014 - 16:25

Ttip, Zaccagnini (Sel): Si torna alla lex mercatoria medievale

IMG

Roma, 21 nov. (LaPresse) - "E' il minimo che si possa pretendere che l'agroalimentare sia tutelato e che non si discuta neppure degli Ogm all'interno del Ttip (Accordo di partenariato transatlantico su commercio e investimenti, ndr). Quello che sconcerta è il fatto che il presidente Sani, come anche Calenda, non si preoccupi del cibo spazzatura e del cibo con ingredienti geneticamente modificati che entreranno in Europa dagli Usa. Come credono di fermarlo? O forse non intendono fermarlo". Se lo chiede Adriano Zaccagnini (Sel) dopo le dichiarazioni del ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina sull'Accordo di partenariato transatlantico su commercio e investimenti (Ttip) con gli Usa.

"La domanda interna del settore - prosegue Zaccagnini (Sel) - non beneficerà affatto del Ttip, lo faranno solo poche grandi corporation. Lo stesso presidente Monti dell'Ice ha affermato che il 90% dell'export italiano è in mano soltanto a 100 grandi aziende italiane. Quindi le piccole e medie aziende verranno danneggiate dal TTIP, perderanno competitività".

"Chiudere in fretta il trattato - sottolinea l'esponente di Sel - è solo un modo per non dare il tempo ai cittadini europei di comprendere la grande minaccia che porta con sè un accordo illegittimo e bloccarlo del tutto". "In particolare il meccanismo degli Isds (Investor-state dispute settlement, ndr) è post-democrazia allo stato puro, un ritorno alla Lex Mercatoria medievale", conclude Zaccagnini riferendosi al meccanismo di risoluzione delle controversie tra investitore e Stato, contemplato nel Ttip.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base

Marco Minniti alla festa de L'Unità di Torino

Tav, Esposito: "Perino vs M5S? Pd stani grillini con una mozione"

L'ex senatore dem esorta il suo partito a mettere Toninelli "nella condizione di dover votare un documento al di là della propaganda"

M5s, festa del governo del cambiamento

Allarme suicidi tra i militari, Trenta: "Più caserme al Sud e sostegno psicologico"

La titolare della Difesa: "Occorre lavorare duramente per stare più vicino ai nostri militari e alle loro famiglie"

Conferenza stampa del Movimento NoTav a Venaus

No Tav, è rottura con il M5S. "In che mani ci siamo messi!"

Un documento di Alberto Perino, leader del movimento contrario alla Torino-Lione, prende le distanze dall'"immobilismo" dei 5 Stelle. Lo riferisce Repubblica.it