Venerdì 04 Novembre 2016 - 12:15

Continua l'assalto a Mosul, Isis trucida disertori e impiegati

Continua l'offensiva contro lo Stato Islamico

Truppe irachene strappano sei distretti di Mosul all'Isis

Le forze di sicurezza irachene hanno ripreso il controllo di sei distretti nella zona est di Mosul dopo una serie di duri scontri contro i militanti dello Stato islamico. Lo fa sapere una fonte delle forze di sicurezza. Centinaia di commando del Servizio anti-terrorismo e dell'esercito iracheno, spiega la fonte, hanno ripreso il controllo dei distretti di Aden, Samah, Karkukli, al-Khadraa, al-Ikhaa e al-Quds. Le truppe hanno alzato la bandiera sui principali edifici delle area riconquistate mentre i combattimenti sono ancora in corso nel distretto adiacente di Karamah. L'offensiva per la ripresa di Mosul è scattata lo scorso 17 ottobre, annunciata direttamente dal primo ministro iracheno Haider al-Abadi.

Intanto i militanti dello Stato islamico continuano a condurre esecuzioni di massa nella città e nei dintorni. Questa settimana hanno ucciso in questo modo almeno 230 persone, tra cui una cinquantina di propri militanti. Lo fa sapere l'Onu. I jihadisti uccisi erano accusati di diserzione, mentre altre 180 vittime erano vecchi impiegati pubblici uccisi dall'Isis prima del ritiro dei militanti da Kokjali, località a est di Mosul.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, barricato nel market di Hollywood uccide una donna: bloccato

Prima ha sparato alla nonna e alla fidanzata: durante la fuga si è rifugiato nel supermercato prendendo in ostaggio diverse persone. Alla fine si è arreso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio

Striscia di Gaza, tensioni e scontri tra palestinesi ed esercito israeliano

Tregua tra Hamas e Israele dopo l'ultimo scontro a fuoco nella Striscia di Gaza

Raggiunto un accordo dopo l'uccisione di un soldato dello Stato ebraico e quattro palestinesi