Venerdì 13 Gennaio 2017 - 15:00

Trump torna sul caso della mail: Clinton colpevole come la morte

Il presidente incaricato attacca nuovamente la sua ex sfidante

Trump torna sul caso della mail: Clinton colpevole come la morte

 "Di che cosa si sta lamentando la gente di Hillary Clinton a proposito dell'Fbi. Sulla base delle informazioni che avevano, non avrebbero mai dovuto consentirle di correre" nelle presidenziali, "colpevole come la morte". Lo ha scritto su Twitter il presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, facendo riferimento ai sostenitori della sconfitta candidata democratica alle presidenziali dell'8 novembre.  Ieri il dipartimento di Giustizia ha dichiarato che indagherà sulle decisioni dell'Fbi di annunciare pochi giorni prima dell'8 novembre un'inchiesta sull'uso di server privati da parte di Clinton quando era segretaria di Stato, fatto che la democratica aveva dichiarato fattore importante nella sua sconfitta. "Sono stati gentili con lei. Ha perso perché ha fatto campagna negli Stati sbagliati, nessun entusiasmo", ha scritto Trump.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tunisia.Rifugiati libici

Libia, 100 migranti chiusi in un tir: sei bimbi e due adulti morti soffocati

Le vittime, secondo quanto riportano le autorità libiche, sono morte a causa dei fumi della benzina

Thailandia, Musk attacca sub: "Pedofilo". Lui pronto a fare causa

Le accuse dell'ad di Tesla dopo che il sommozzatore ha bocciato la sua offerta di fornire un sottomarino in miniatura per estrarre i calciatori

SUMMIT G8 - IL PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI  BILL CLINTON STRINGE LA MANO A VLADIMIR PUTIN

Un leader russo, quattro presidenti Usa: Putin e i rapporti con Washington

Relazioni altalenanti nel bene e nel male, ma mai rapporti duraturi. Ecco i precedenti e la situazione attuale con Trump

Summit Putin-Trump a Helsinki. Il presidente Usa: "Inizio molto buono"

Storico vertice nel palazzo presidenziale. Dal Russiagate alla Siria: tanti i nodi da sciogliere