Lunedì 05 Giugno 2017 - 15:00

Trump rilancia il 'travel ban': Una versione ancora più dura

Accusa dipartimento di Giustizia di non aver lasciato versione originale

Trump rilancia il 'travel ban': Una versione ancora più dura

Il presidente americano Donald Trump è tornato a rilanciare il suo 'travel ban', il divieto di ingresso negli Stati Uniti a cittadini provenienti da sei Paesi a maggioranza musulmana, all'indomani dell'attacco di Londra. In una serie di tweet ha accusato il dipartimento di Giustizia di non aver voluto lasciare la versione originale del 'travel ban', "non quella annacquata e politicamente corretta sottoposta alla Corte Suprema". Secondo il presidente "il dipartimento di Giustizia avrebbe dovuto chiedere un'audizione urgente alla Corte suprema della versione annacquata del travel ban per ottenere una versione ancora più dura".

"La gente - ha aggiunto - gli avvocati e i tribunali possono chiamarlo come vogliono, ma io lo definisco come quello di cui abbiamo bisogno e che è, un travel ban". Trump ha ricordato di stare "controllando in modo inflessibile le persone che vengono negli Stati Uniti per mantenere la sicurezza del nostro paese. I tribunali sono lenti e politicizzati".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco in Perù

Pedofilia, O'Malley critica il Papa: "Addolora sua difesa di Barros"

Il cardinale di Boston presidente della commissione della Santa sede contro gli abusi sui minori prende le distanze da Bergoglio

Repubblica Ceca, incendio in hotel in centro Praga: 2 morti, 7 feriti

Tre sono in gravi condizioni. Il fuoco è stato domato dopo due ore

Kabul, talebani rivendicano attacco all'hotel Intercontinental: almeno 6 morti

La polizia ha ucciso i quattro uomini armati del commando aveva preso d'assalto la struttura

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Perù, Papa da alluvionati Niño: "Proteggetevi anche da tempesta sicariato"

Francesco richiama all'unità: mani tese e compassione, perché "ci sono cose che non si improvvisano e tanto meno si comprano"