Giovedì 18 Maggio 2017 - 16:00

'Trump pagato da Putin', l'accusa del senatore McCarthy

Il contenuto in un audio è stato rivelato dal Washington Post

"Trump pagato da Putin", l'accusa in un audio del senatore repubblicano McCarthy

Un mese prima della nomination di Donald Trump come candidato dei repubblicani per la Casa Bianca, il 15 giugno del 2016, il leader della maggioranza Gop alla Camera Kevin McCarthy disse durante un incontro privato con colleghi deputati repubblicani che riteneva che che Trump fosse pagato dal presidente russo Vladimir Putin. È quanto riporta il Washington Post. "Ci sono due persone che penso Putin paghi: Rohrabacher e Trump", avrebbe detto il deputato repubblicano secondo quanto riporta il Washington Post, dicendo di avere ascoltato l'audio di quell'incontro.

L'altra persona a cui McCarthy faceva riferimento è Dana Rohrabacher, deputato repubblicano della California noto in Congresso come fervente difensore di Putin e della Russia. Sempre secondo il Washington Post, lo speaker della Camera Paul Ryan avrebbe interrotto McCarthy invitando i repubblicani presenti a mantenere segrete quelle dichiarazioni. McCarthy ha replicato su Twitter: "È stato un tentativo di umorismo andato male. Non stupisce che il Washington Post abbia provato a trasformare questo in una breaking news".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie

Roberto Tamagna del Movimento 5 Stelle

Riforma costituzionale M5S: meno parlamentari e stop Cnel

Nel programma Cinquestelle ci sono la riduzione dell'indennità parlamentare e la limitazione dell'immunità penale