Giovedì 18 Maggio 2017 - 16:00

'Trump pagato da Putin', l'accusa del senatore McCarthy

Il contenuto in un audio è stato rivelato dal Washington Post

"Trump pagato da Putin", l'accusa in un audio del senatore repubblicano McCarthy

Un mese prima della nomination di Donald Trump come candidato dei repubblicani per la Casa Bianca, il 15 giugno del 2016, il leader della maggioranza Gop alla Camera Kevin McCarthy disse durante un incontro privato con colleghi deputati repubblicani che riteneva che che Trump fosse pagato dal presidente russo Vladimir Putin. È quanto riporta il Washington Post. "Ci sono due persone che penso Putin paghi: Rohrabacher e Trump", avrebbe detto il deputato repubblicano secondo quanto riporta il Washington Post, dicendo di avere ascoltato l'audio di quell'incontro.

L'altra persona a cui McCarthy faceva riferimento è Dana Rohrabacher, deputato repubblicano della California noto in Congresso come fervente difensore di Putin e della Russia. Sempre secondo il Washington Post, lo speaker della Camera Paul Ryan avrebbe interrotto McCarthy invitando i repubblicani presenti a mantenere segrete quelle dichiarazioni. McCarthy ha replicato su Twitter: "È stato un tentativo di umorismo andato male. Non stupisce che il Washington Post abbia provato a trasformare questo in una breaking news".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Maria Elena Boschi alla festa del PD a Botticino

Boschi non invitata a Festa Unità Firenze: "È iscritta a Bolzano"

L'organizzazione: "Abbiamo dato precedenza agli eletti nei collegi fiorentini"

Ponte Morandi, il gigante che sovrasta le case di Genova

Genova, governo: "Avviato iter su decadenza concessione ad Autostrade"

Prima l'annuncio del ministro delle Infrastrutture su Facebook, poi la conferma del premier Conte

Genova, crollo Ponte Morandi: continuano le ricerche dei dispersi e la messa in sicurezza

Genova, Renzi contro Di Maio: "Autostrade finanziava Lega e Conte era legale Aiscat"

Il senatore Pd rimanda al mittente le accuse di aver ricevuto soldi dai Benetton per le campagne elettorali