Sabato 22 Luglio 2017 - 20:30

Trump: NYT ha fatto fallire piano per uccidere al-Baghdadi

Nessun dettaglio su come il quotidiano avrebbe fatto fallire i piani Usa

Washington, gli appuntamenti del Presidente Donald Trump

 Il presidente americano, Donald Trump, ha accusato il quotidiano New York Times di aver fatto fallire il piano del suo governo per uccidere il leader dello Stato islamico, l'autoproclamato 'califfo' Abu Bakr al-Baghdadi. In un tweet, ha scritto: "Il fallito NYT ha fatto fallire il tentativo degli Usa di uccidere il terrorista più ricercato, al-Baghdadi. Ha messo i suoi interessi davanti a quelli della sicurezza nazionale".

 

Nessun dettaglio, tuttavia, su come la testata avrebbe fatto a far naufragare l'operazione militare o d'intelligence contro il capo del gruppo jihadista. Il tweet di Trump è arrivato pochi minuti dopo che l'emittente conservatrice televisiva Fox News ha diffuso una notizia che includeva commenti su al-Baghdadi di un comandante statunitense, il generale Tony Thomas, capo del comando delle operazioni speciali del Pentagono.

In conferenza al Foro della sicurezza di Aspen, in Colorado, Thomas ha detto che le forze americane erano "particolarmente vicine" a trovare al-Baghdadi a metà del 2015, dopo una operazione in cui riuscirono a raccogliere molte informazioni sull'Isis. "Avevamo una pista molto buona, ma sfortunatamente filtrò a un importante giornale nazionale circa una settimana dopo e quella pista sfumò", ha affermato. Per Fox News il generale si riferiva a una notizia apparsa sul NYT nel giugno 2015, secondo cui l'intelligence americana aveva raccolto "informazioni valide" nell'operazione, tra cui dati sul modo di operare del 'califfo'. Il quotidiano ha assicurato che il Pentagono non gli aveva presentato alcuna obiezione sull'articolo e che nessun altro funzionario americano si era lamentato in pubblico sinora.

La relazione di Trump con il NYT è difficile da quando il repubblicano è arrivato alla Casa Bianca, con accuse di notizie false e manipolate. Voci sulla morte di al-Baghdadi si sono rincorse più volte negli ultimi anni, la più recente diffusa dall'Osservatorio siriano dei diritti umani che ne ha dato notizia l'11 luglio. Solitamente affidabile, l'ong aveva citato come fonte "vertici di prima e seconda fila dell'Isis", ma il Pentagono ha poi fatto sapere che la notizia non è confermata e che al-Baghdadi viene considerato in vita fino a prova contraria

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa sulla morte di Giulio Regeni

Regeni, bufera su governo dopo caso Nyt. Famiglia: Andremo al Cairo

Secondo Claudio Regeni e Paola Deffendi sarebbe sufficiente "un po' più di pressione sul governo egiziano" per fare chiarezza

Usa 2016, Donald Trump in campagna elettorale

Hope Hicks, nuova direttrice della comunicazione per Trump

Già nel 2016 era stata la portavoce della campagna elettorale di Donald Trump

AUT, Österreich bereitet Grenzkontrollen zu Italien vor

Migranti, Austria invierà 70 soldati al Brennero

I militari non verranno schierati, né saranno dispiegati carri armati: serviranno ad aiutare nei controlli

Nord Corea, Trump: Da Kim decisione saggia, alternativa era catastrofe

Corea, Trump: Decisione saggia di Kim, alternativa era catastrofe

Kim ha deciso di "osservare per un po'" il comportamento Usa prima di intraprendere la minacciata offensiva contro Guam