Mercoledì 25 Gennaio 2017 - 09:30

Trump: Intervento federale se a Chicago non cala picco omicidi

L'annuncio del presidente su Twitter

Trump: Intervento federale se a Chicago non cala picco omicidi

 Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, minaccia di far intervenire le forze federali a Chicago, se la città non riuscirà a controllare la "orribile carneficina" in corso, riferimento al recente picco di omicidi. Lo ha annunciato su Twitter, scrivendo: "Se Chicago non risolverà l'orribile carneficina in corso, con 228 sparatorie con 42 morti nel 2017 (il 24% più del 2016), manderò i federali". Il tasso d'omicidi della città dell'Illinois è il più alto del Paese ed è diventato uno dei cavalli di battaglia del repubblicano durante la campagna elettorale per la Casa Bianca.
 

L'allora candidato utilizzò Chicago, terza città per popolazione negli Stati Uniti dopo New York e Los Angeles, come esempio della violenza nelle metropoli e ne incolpò i politici democratici, a livello statale e federale. Nel 2016 gli omicidi a Chicago sono stati 762, secondo The Atlantic il 58% in più rispetto al 2015. E' il numero più alto dal 1996 quando furono 796, in anni segnati dall'alto tasso di criminalità nelle città statunitensi.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo