Lunedì 06 Marzo 2017 - 12:30

Trump firma oggi nuovo travel ban: via Iraq da Paesi coinvolti

Il nuovo decreto non riguarderà chi è in possesso di una green card

Trump firma oggi nuovo travel ban: via Iraq da Paesi coinvolti

 La firma della nuova versione del 'travel ban' da parte del presidente degli Stati Uniti Donald Trump è attesa oggi e Trump rimuoverà l'Iraq dalla lista dei Paesi presi di mira dal provvedimento. Lo riferisce un alto funzionario della Casa Bianca. Nella prima versione del 'travel ban', che risale al 27 gennaio ed è poi stata bloccata dai tribunali, i Paesi coinvolti erano sette, cioè Iran, Siria, Iraq, Somalia, Sudan, Yemen e Libia; secondo la fonte, invece, il nuovo 'travel ban' prevedrà un divieto di ingresso negli Stati Uniti di 90 giorni dei cittadini provenienti da sei Paesi a maggioranza musulmana, cioè Iran, Libia, Siria, Somalia, Sudan e Yemen. Sempre secondo il funzionario della Casa Bianca, il nuovo decreto non riguarderà chi è in possesso di una green card.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, il racconto di un italiano: "È stato terribile"

Alessio Stazi, un ragazzo italiano, era sulle Ramblas durante l'attentato e racconta su Facebook la paura e la rabbia

Roma, la photocall del film 'Tutte Lo Vogliono'

Attentato a Barcellona, il cordoglio delle celebrità. Incontrada: "Terrore nel mio cuore"

Non solo Vanessa Incontrada. Da Jennifer Lopez a Fedez, gli artisti inviano amore e preghiere alle vittime e le loro famiglie

Segretario della Lega Nord Matteo Salvini partecipa al presidio per la chiusura della moschea di via Cavalcanti

Attentato a Barcellona, le reazioni della politica italiana. Salvini: "Niente pietà per questi vermi"

Il pensiero dei politici italiani a Barcellona, dopo l'attentato sulle Ramblas

Barcellona, auto sulla folla sulla Rambla

Attentato a Barcellona, van contro folla sulle Ramblas. Almeno 13 morti e 100 feriti

Isis rivendica l'attacco. La Farnesina conferma che c'è il rischio che alcuni italiani siano coinvolti