Domenica 02 Luglio 2017 - 18:30

Trump fa il wrestler: Cnn messa ko in video. La tv: Giorno triste

Il presidente ha pubblicato su Twitter un filmato in cui picchia un uomo con il volto oscurato dal logo del network

Continua l'invettiva del presidente americano Donald Trump contro i media. Trump torna infatti su Twitter e attacca la Cnn con un video e l'hashtag 'FraudNewsCnn #FNN (#NotizieTruffaCnn)'. Nel filmato si vede il presidente che, accanto a un ring, mette ko un uomo con il volto oscurato dal logo del network americano. Si tratta di una gif, un'immagine animata, usando immagini risalenti al 2007 quando Trump fece finta di mettere ko Vine McMahon, il Ceo della Wwe (World Wrestling Entertainment, Inc) la società che gestisce il wrestling professionista in Usa.

un giorno triste quello in cui il presidente degli Stati Uniti incoraggia la violenza contro i giornalisti". È quanto scrive la Cnn in una nota. "Invece di preparare il suo viaggio all'estero, il suo primo incontro con Vladimir Putin, invece di affrontare il dossier della Corea del Nord e lavorare al suo progetto sanitario - continua la Cnn nel comunicato - (il presidente) si intrattiene in comportamenti infantile molto al di sotto della dignità richiesta dal suo ufficio. Noi - conclude - continueremo a fare il nostro lavoro, lui dovrebbe iniziare a fare il suo". 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont sospende l'indipendenza e apre ai negoziati Madrid

Catalogna, carcere ai leader indipendentisti Sanchez e Cuixart

Puigdemont: Sono detenuti politici. Il governatore glissa su indipendenza, ma Rajoy non ci sta

Malta, giornalista uccisa in esplosione auto. Premier: Voglio giustizia

Stava guidando verso Mosta quando l'auto è esplosa, la donna è morta sul colpo

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

I peshmerga: "Il governo pagherà un prezzo alto per aver fatto la guerra al nostro popolo"

Madrid, udienza per il comandante dei Mossos d'Esquadra catalani

Catalogna, procura chiede il carcere per il capo dei Mossos d'Esquadra

Josep Lluis Trapero è indagato per sedizione assieme all'intendente Teresa Laplana