Domenica 02 Luglio 2017 - 18:30

Trump fa il wrestler: Cnn messa ko in video. La tv: Giorno triste

Il presidente ha pubblicato su Twitter un filmato in cui picchia un uomo con il volto oscurato dal logo del network

Continua l'invettiva del presidente americano Donald Trump contro i media. Trump torna infatti su Twitter e attacca la Cnn con un video e l'hashtag 'FraudNewsCnn #FNN (#NotizieTruffaCnn)'. Nel filmato si vede il presidente che, accanto a un ring, mette ko un uomo con il volto oscurato dal logo del network americano. Si tratta di una gif, un'immagine animata, usando immagini risalenti al 2007 quando Trump fece finta di mettere ko Vine McMahon, il Ceo della Wwe (World Wrestling Entertainment, Inc) la società che gestisce il wrestling professionista in Usa.

un giorno triste quello in cui il presidente degli Stati Uniti incoraggia la violenza contro i giornalisti". È quanto scrive la Cnn in una nota. "Invece di preparare il suo viaggio all'estero, il suo primo incontro con Vladimir Putin, invece di affrontare il dossier della Corea del Nord e lavorare al suo progetto sanitario - continua la Cnn nel comunicato - (il presidente) si intrattiene in comportamenti infantile molto al di sotto della dignità richiesta dal suo ufficio. Noi - conclude - continueremo a fare il nostro lavoro, lui dovrebbe iniziare a fare il suo". 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo