Mercoledì 09 Novembre 2016 - 10:45

Trump e Johnson: ecco gli uomini che hanno spaccato il 2016

Tenaci, esuberanti, aggressivi: quando il 'politicamente scorretto' lascia il segno

Trump e Johnson: gli uomini che hanno spaccato il 2016

In questo turbolento 2016 ci sono due uomini che hanno segnato il presente e che si apprestano a lasciare un graffito nel futuro. Sono due uomini di massima rottura, Donald Trump e Boris Johnson, uniti non solo per una bizzarra capigliatura biondo-rissiccia e per i medesimi natali newyorkesi ma, anche e soprattutto, per le loro idee tranchant.

Trump, che non ha aveva mai ricoperto incarichi politici prima di calarsi nell'avventura presidenziale americana, che si porta addosso il brand del multimiliardario di ferro, che ha comprato il più bel campo da golf degli Stati Uniti (il Doral di Miami) e lo ha intitolato a se stesso, che vanta un passato da attore non proprio alla Ronald Reagan ma quasi - ha travolto oltre a Hillary Clinton qualsiasi previsione, qualsiasi sondaggio, qualsiasi auspicio del mondo finanziario. Come? Usando toni torrentizi, a volte inconciliabili con un corretto lessico elettorale, cavalcando la repulsione anti-establishment, alzando muri ideologici e promettendo di alzarli materialmente, con il Messico, infilandosi sotto la pelle degli indecisi d'America.

Johnson, giornalista, blogger, due volte sindaco di Londra, è stato tra i più ferventi promotori della Brexit, cioè dell'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea. Anche Johnson, a suo modo, ha fatto alzare un muro tra Londra e il resto del Vecchio Continente. Pure lui nei toni è abbastanza esuberante, a volte persino sboccato, insomma sempre spada e raramente fioretto, offensivo nei confronti degli omosessuali e dell'islam, però raffinato nel dichiarare la sua passione per la storia di Roma. Un giorno del 2012, a David Letterman disse che, possedendo la doppia cittadinanza, poteva diventare "tecnicamente presidente degli Stati Uniti". Salvo poi scegliere di essere in tutto e per tutto un suddito della regina e definire "mezzo kenyota" Barak Obama quando di recente si espresse negativamente riguardo alla Brexit. Il paradosso? È stato nominato dalla premier Theresa May segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

Nella nuova veste, Johnson ha ammorbidito i modi così come, nel suo primo discorso da presidente degli Usa, Trump è stato conciliante e rispettoso nei confronti gli sconfitti. Metamorfosi comparate? Per adesso di comparabile rimane solo la capigliatura improbabile.

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Addio Liliane Bettencourt, signora dei trucchi e donna più ricca del mondo

Figlia unica del fondatore del marchio di cosmetici L'Oréal, ne era la principale azionista

Catalogna, Guardiola: "Vogliamo solo votare, si tratta di democrazia"

Catalogna, Guardiola: "Vogliamo solo votare, si tratta di democrazia"

"Il popolo catalano ha mostrato una grande educazione civica ancora una volta"

Ryanair, voli cancellati in tutta Italia

Ryanair, O'Leary offre di più ai piloti per saltare le ferie

L'a.d. della compagnia mette sul piatto altri 10mila euro. Vuole evitare la cancellazione di oltre 2.000 voli. I consumatori chiedono sanzioni

Papa Francesco nell'Udienza Generale del mercoledì

Pedofilia, tolleranza zero Bergoglio: "Chiesa in ritardo, mai grazia"

Francesco ha incontrato anche la Commissione Antimafia italiana parlando di corruzione, e tutela dei testimoni