Mercoledì 09 Novembre 2016 - 10:45

Trump e Johnson: ecco gli uomini che hanno spaccato il 2016

Tenaci, esuberanti, aggressivi: quando il 'politicamente scorretto' lascia il segno

Trump e Johnson: gli uomini che hanno spaccato il 2016

In questo turbolento 2016 ci sono due uomini che hanno segnato il presente e che si apprestano a lasciare un graffito nel futuro. Sono due uomini di massima rottura, Donald Trump e Boris Johnson, uniti non solo per una bizzarra capigliatura biondo-rissiccia e per i medesimi natali newyorkesi ma, anche e soprattutto, per le loro idee tranchant.

Trump, che non ha aveva mai ricoperto incarichi politici prima di calarsi nell'avventura presidenziale americana, che si porta addosso il brand del multimiliardario di ferro, che ha comprato il più bel campo da golf degli Stati Uniti (il Doral di Miami) e lo ha intitolato a se stesso, che vanta un passato da attore non proprio alla Ronald Reagan ma quasi - ha travolto oltre a Hillary Clinton qualsiasi previsione, qualsiasi sondaggio, qualsiasi auspicio del mondo finanziario. Come? Usando toni torrentizi, a volte inconciliabili con un corretto lessico elettorale, cavalcando la repulsione anti-establishment, alzando muri ideologici e promettendo di alzarli materialmente, con il Messico, infilandosi sotto la pelle degli indecisi d'America.

Johnson, giornalista, blogger, due volte sindaco di Londra, è stato tra i più ferventi promotori della Brexit, cioè dell'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea. Anche Johnson, a suo modo, ha fatto alzare un muro tra Londra e il resto del Vecchio Continente. Pure lui nei toni è abbastanza esuberante, a volte persino sboccato, insomma sempre spada e raramente fioretto, offensivo nei confronti degli omosessuali e dell'islam, però raffinato nel dichiarare la sua passione per la storia di Roma. Un giorno del 2012, a David Letterman disse che, possedendo la doppia cittadinanza, poteva diventare "tecnicamente presidente degli Stati Uniti". Salvo poi scegliere di essere in tutto e per tutto un suddito della regina e definire "mezzo kenyota" Barak Obama quando di recente si espresse negativamente riguardo alla Brexit. Il paradosso? È stato nominato dalla premier Theresa May segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

Nella nuova veste, Johnson ha ammorbidito i modi così come, nel suo primo discorso da presidente degli Usa, Trump è stato conciliante e rispettoso nei confronti gli sconfitti. Metamorfosi comparate? Per adesso di comparabile rimane solo la capigliatura improbabile.

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

 Svezia, no all'ingresso in Nato: Politica di non allineamento

Svezia, no all'ingresso in Nato: Politica di non allineamento

La ministra degli Esteri Wallstrom: Indipendenti in posizioni sulla sicurezza

Le Pen rifiuta il velo e cancella incontro con Mufti del Libano

Le Pen rifiuta il velo e cancella incontro con Mufti del Libano

"Io non mi coprirò mai" ha detto la leader del Front National

Medioriente, Khamenei: Stop a regime sionista, liberare i territori

Medioriente, Khamenei: Stop a regime sionista, liberare i territori

"Nessun popolo in nessuna era della storia è mai stato soggetto a questa crudeltà"

Autorità malesi: No segno di puntura sul corpo di Kim Jong-Nam

Malesia: Nessun segno di puntura sul corpo di Kim Jong-Nam

Sono ancora da definire le cause della morte