Martedì 28 Febbraio 2017 - 13:15

Trump attacca Obama: C'è lui dietro a fuga di notizie e proteste

Il presidente Usa convinto: "Di sicuro è coinvolta la sua gente"

Trump attacca Obama: C'è lui dietro a fuga di notizie e proteste

Dietro alle fughe di notizie che stanno minando l'amministrazione Usa potrebbe esserci l'ex presidente Barack Obama. Di questo è convinto Donald Trump, intervistato durante il programma 'Fox and Friends', di Fox News. I giornalisti dapprima chiedono al capo della Casa Bianca se secondo lui Obama sia dietro ad alcune delle proteste contro i repubblicani in Usa e se questo rappresenti una violazione del cosiddetto codice dei presidenti. Trump risponde: "No, ma credo che ci sia lui dietro. Penso anche che sia la politica, è fatta così".

Il presidente, secondo una trascrizione riportata dalla Cnn, si concentra poi sul tema della fuga di notizie che hanno reso turbolento il suo primo mese in carica. "Non si sa mai cosa accade dietro le quinte" ma, aggiunge, "penso che ci sia dietro il presidente Obama, perché dietro di sicuro c'è la sua gente", ma "capisco anche che sia la politica" e "probabilmente continuerà".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Rientra in Italia il re delle slot Corallo, arrestato nel 2016

Rientra in Italia il re delle slot Corallo, arrestato nel 2016

Ritenuto il promotore di un'associazione a delinquere a carattere transnazionale

Usa, Bannon attacca: I suprematisti bianchi sono dei perdenti, un mucchio di clown

Usa, Bannon attacca: I suprematisti bianchi sono dei perdenti, un mucchio di clown

Intanto l'ex direttore della Cia attacca Trump: "Causerà un danno duraturo al Paese"

Venezuela, sommossa in carcere: almeno 37 morti, 14 feriti

Venezuela, sommossa in carcere: almeno 37 morti, 14 feriti

Avvenuta a Puerto Ayacucho, il numero dei morti rappresenta il 40% del totale rinchiuso

Bannon: Non c'è soluzione militare a minacce Pyongyang

Bannon: Non c'è soluzione militare a minacce Pyongyang

Interviene il consigliere del presidente degli Stati Uniti Donald Trump