Martedì 28 Febbraio 2017 - 13:15

Trump attacca Obama: C'è lui dietro a fuga di notizie e proteste

Il presidente Usa convinto: "Di sicuro è coinvolta la sua gente"

Trump attacca Obama: C'è lui dietro a fuga di notizie e proteste

Dietro alle fughe di notizie che stanno minando l'amministrazione Usa potrebbe esserci l'ex presidente Barack Obama. Di questo è convinto Donald Trump, intervistato durante il programma 'Fox and Friends', di Fox News. I giornalisti dapprima chiedono al capo della Casa Bianca se secondo lui Obama sia dietro ad alcune delle proteste contro i repubblicani in Usa e se questo rappresenti una violazione del cosiddetto codice dei presidenti. Trump risponde: "No, ma credo che ci sia lui dietro. Penso anche che sia la politica, è fatta così".

Il presidente, secondo una trascrizione riportata dalla Cnn, si concentra poi sul tema della fuga di notizie che hanno reso turbolento il suo primo mese in carica. "Non si sa mai cosa accade dietro le quinte" ma, aggiunge, "penso che ci sia dietro il presidente Obama, perché dietro di sicuro c'è la sua gente", ma "capisco anche che sia la politica" e "probabilmente continuerà".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Trump all'Iran: "Non minacciateci mai più, fate attenzione"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: due morti e 13 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"