Martedì 05 Aprile 2016 - 18:00

Trivelle, Ficarra e Picone: Votiamo sì per dare segnale a governo

I due comici: Governo coi petrolieri, pensare alle energie rinnovabili

Trivelle, Ficarra e Picone: Votiamo sì per dare segnale a governo

Ficarra e Picone, attori comici tra i più apprezzati in circolazione e conduttori di Striscia la La Notizia, non hanno dubbi su cosa voteranno al referendum sulle Trivelle del 17 aprile: "Noi voteremo sì", hanno detto i due in coro a 'Un Giorno da Pecora', programma di Rai Radio2 condotto da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari. "Votiamo sì al referendum per dare un segnale al governo: devono cominciare a pensare alle energie rinnovabili", hanno sottolineato. Renzi ha detto che è meglio andare al mare o astenersi, il governo sta con i petrolieri o con gli ecologisti? "Hanno detto che è meglio l'astensione, quindi forse coi petrolieri. E poi ci sembra di capire che le compagnie petrolifere estraggono petrolio o gas ma questo non è nostro, ma loro. Pagano le royalties e lo vendono a chi preferiscono". Questo vuol dire, secondo i due comici siciliani, "che quando ci dicono che questo petrolio porta al nostro fabbisogno, non è vero, perché non è nostro".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

M5S, Pizzarotti lunedì lascerà il movimento

M5S, Pizzarotti lunedì lascerà il movimento

Il sindaco di Parma attacca i vertici: "Altro che democrazia"

Mirandola, Grillo all'inaugurazione della palestra ricostruita

Grillo difende Mazzillo: Anche io ho avuto tessera del Pd

Il leader del M5S ha partecipato oggi all'inaugurazione di una nuova palestra a Mirandola

Classe Democratica. Scuola di formazione del PD

Referendum, Napolitano: Errori hanno favorito il no

Il presidente emerito della Repubblica ha tenuto una lectio magistralis alla scuola di formazione politica del Pd

Raggi: Il nostro nuovo assessore al Bilancio non è un ripiego

Raggi: Il nostro nuovo assessore al Bilancio non è un ripiego

La sindaca: Abbiamo scelto Mazzillo perché ha le competenze che servono