Domenica 06 Marzo 2016 - 23:00

Tris dell'Inter con vista Europa: il Palermo rischia grosso

Vantaggio di Ljajic all'11', raddoppio di Icardi al 23', gol della bandiera di Vazquez al 45' e 3-1 definitivo di Perisic in avvio di ripresa

Inter - Palermo

Scatto Champions per l'Inter, tonfo che fa male per il Palermo. A San Siro, la squadra di Roberto Mancini vince 3-1. Vantaggio di Ljajic all'11', raddoppio di Icardi al 23', gol della bandiera di Vazquez al 45' e 3-1 definitivo di Perisic in avvio di ripresa. I padroni di casa volano a 51 punti e si portano -2 dalla Fiorentina e a -5 dalla Roma. I rosanero, invece, rischiano grosso: restano a quota 27, con la zona retrocessione a un punticino di distanza. I nerazzurri al via con Carrizo in porta al posto dell'influenzato Handanovic. Ljajic, Palacio e Perisic alle spalle di Icardi in avanti. I ragazzi di Beppe Iachini con Vazquez in appoggio a Gilardino di punta.

Passano 11 minuti e l'Inter va in vantaggio. Perisic consegna palla a Ljajic al limite dell'area. L'attaccante punta Andelkovic, che gli lascia troppo spazio, e batte Sorrentino con un diagonale all'angolino. La reazione del Palermo poco dopo con un tiro-cross di Pezzella dal lato corto sinistro dell'area che non impensierisce Carrizo. Poi brutta palla persa da Kondogbia fuori dall'area di rigore: Chochev ha una ghiotta occasione fra i piedi, ma si addormenta e Nagatomo recupera. Minuto 19': Icardi cade in area colpito in faccia dalla difesa del Palermo a maglie strette e resta a terra. San Siro protesta, ma per Russo è solo uno scontro fortuito e si può proseguire. L'Inter continua ad affondare e al 23' Icardi con una zampata mancina in area da killer, su assist di Palacio, confeziona il 2-0 per i padroni di casa. Altra occasione per Ljajic (28') che spreca tutto con un destro sballato dopo un buco dei rosanero. Applausi a San Siro per una squadra che rischia di straripare contro un Palermo intontito. La replica al 36' con un sinistro da fuori di Vazquez, che costringe Carrizo a distendersi per respingere. Ancora, dall'altra parte, Perisic spara da 20 metri e Sorrentino mette in angolo. Non è finita, perché al 45' da un buco dell'Inter a sinistra nasce il gol del Palermo: affondo di Rispoli, Vazquez si avventa sul pallone e al volo in spaccata mette sotto la traversa. Inter avanti 2-1 all'intervallo.

La ripresa parte con Chochev che semina il panico in area e stavolta si sente qualche fischio per i padroni di casa, che sembrano aver perso qualche certezza dopo il gol di Vazquez a fine primo tempo. Mentre i rosanero ringhiano con più voglia a caccia del pareggio. Ma l'Inter non ha voglia di scherzare e al 54' Perisic, assistito da Icardi con un lancio al millimetro, segna il 3-1 di testa. Per i padroni di casa, a questo punto, la gara torna in discesa. Inizia la girandola di cambi: Brozovic per Ljajic fra i nerazzuri, Quaison e Djurdjevic per Chochev e Gilardino per gli ospiti. Minuto 71': punizione dalla trequarti di Brozovic da destra, Palacio va di testa e Sorrentino smanaccia sul fondo. Ancora Inter pericolosa al 77': Perisic cerca l'angolino su un calcio piazzato, Sorrentino costretto di nuovo ai lavori forzati. Il Palermo ci prova poco dopo: Vazquez di prima verso Quaison, che serve Djurdjevic, Carrizo gli chiude lo specchio. La partita si chiude con Perisic che spara alle stelle in spaccata. Finisce 3-1 a San Siro per un'Inter ritrovata dopo la bella partita giocata in settimana con la Juventus in Coppa Italia. Tutto da rifare per il Palermo di Iachini, che rischia seriamente di scivolare in Serie B.
 

Scritto da 
  • Luca Rossi
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Inter - Atalanta

Serie A, doppio Icardi affonda l'Atalanta: Inter a -2 dal Napoli

Un successo che consente ai milanesi di restare nella scia della capolista scavalcando la Juventus al secondo posto

Spalletti carica l'Inter e lancia l'hashtag #senzatregua

Dopo la sosta si riparte dall'Atalanta e il tecnico nerazzurro vuole tenere alta l'attenzione della squadra

Icardi sta bene: escluse lesioni. L'Inter tira un sospiro di sollievo

L'attaccante, infortunatosi al ginocchio, si sottoporrà a fisioterapia e lavoro differenziato per 4-5 giorni