Lunedì 24 Luglio 2017 - 13:15

Ordine di cattura per l'orso. "Abbatterlo se è pericoloso"

La decisione del presidente della Provincia di Trento dopo l'attacco a un uomo. Prima andrà trovato e identificato.

Una famiglia di Orsi della Kamchatka, il più grande Orso Bruno esistente al mondo

Il presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, ha firmato stamani l'ordinanza che segue all'attacco di un orso bruno ai danni di un uomo avvenuto sabato in località Predera, nel territorio di Terlago, Comune di Vallelaghi. L'ordinanza prevede un "intervento di monitoraggio, identificazione e rimozione di un orso pericoloso per l'incolumità e la sicurezza pubblica".

E nel caso in cui l'orso "atteggiamenti di aggressività tali da determinare ulteriore pericolo grave e imminente per l'incolumità degli operatori del Corpo forestale trentino o per le persone, il personale è autorizzato all'abbattimento".

Continua l'attività di monitoraggio e presidio della zona con personale forestale sia nei 5 punti di accesso principali, anche con il compito di informare le persone che vi transitassero, sia con una squadra di emergenza di quattro persone e due cani finalizzata anche alla cattura prevista dall'ordinanza.

 

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

IL PRELIEVO AL BANCOMAT

La crisi spaventa: il denaro non circola, 38 miliardi di riserve in più

I cittadini accumulano per timore di nuove tasse, le imprese non investono perché non hanno fiducia nel futuro

Belgio, insetti da mangiare

Insetti a tavola dal 1 gennaio, più di 1 italiano su 2 è contrario

La maggior parte dei nuovi prodotti proviene da Paesi come la Cina o la Thailandia da anni ai vertici delle classifiche per numero di allarmi alimentari

Maltempo ponte della Liberazione - Nebbia al Passo del Tonale

Nuvole e temperature in calo: il meteo del 21 e del 22 ottobre

Le previsioni per sabato e domenica: il freddo inizia ad arrivare

A customer walks out of a KFC restaurant in Shanghai

Kfc e la lotta alla fame: dona il pollo fritto ai poveri

Il fast food, in collaborazione col Banco Aliminetare, è il primo a non buttare le eccedenze