Giovedì 04 Agosto 2016 - 15:00

Trentino, adolescenti cadono in dirupo in Val Daone: morti entrambi

I due ragazzi, poco prima di cena, si erano allontanati da casa per fare delle fotografie

Trentino, adolescenti cadono in dirupo in Val Daone: morti entrambi

Tragedia sulle montagne di Val Daone, in Trentino. Due adolescenti, Fabio Battocchi e Federico Bugnai, di 12 e 13 anni sono morti dopo essere caduti in un dirupo. Un volo di 40 metri che è stato fatale. I due, poco prima di cena, si erano allontanati da casa per fare delle fotografie. Non vedendoli rientrare il nonno e la mamma di uno dei due ha dato l'allarme e ha contattato i vigili. Decine di persone hanno partecipato alle ricerche e, poco prima di mezzanotte, sono stati trovati i loro corpi senza vita. Fabio e Federico si trovavano in fondo a un burrone, in una zona particolarmente impervia. Secondo quanto si apprende, un primo esame delle ferite sui corpi dei due lascia pensare che siano morti sul colpo.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia del cavalcavia. "Filippone non aveva problemi psichici"

Chieti: tre le vittime della follia dell'uomo: la moglie, la figlia e lui stesso. Molti aspetti ancora da chiarire

Presentazione del progetto " Stradeinfesta "

Roma si mobilita per la Casa delle donne. Raggi: "Non la chiuderemo"

A rischio la storica sede di associazioni dei movimenti femministi in via della Lungara. La consigliera M5S Guerini intenderebbe trasformarla in un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale