Mercoledì 11 Ottobre 2017 - 11:15

Tradito dalla fede per il Napoli: arrestato camorrista latitante

In manette Emanuele Niola, 33enne referente del clan Di Lauro

Tradito dalla fede per il Napoli: arrestato camorrista latitante

La passione per il Napoli ha tradito Emanuele Niola, 33enne latitante ritenuto essere legato al clan camorrista Di Lauro, che è stato fermato dai carabinieri a Secondigliano. I militari lo hanno rintracciato dopo aver intercettato una telefonata in cui una persona legata a Niola ordinava due biglietti per Napoli-Inter, in programma al San Paolo il prossimo 21 ottobre, ma non faceva il nome del secondo spettatore. Insospettiti, hanno intensificato le ricerche nella periferia nord della città fino all'arresto, avvenuto in un autolavaggio di Secondigliano.

Niola, che stava parlando con dei conoscenti a bordo di un'utilitaria, non ha opposto resistenza ma avrebbe detto solo di voler iniziare una nuova vita lontana dallo spaccio. Il malvivente fuggiva proprio da una condanna per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, per la quale deve scontare 6 anni e 7 mesi. Niola, arrestato nel corso di un'operazione contro il traffico internazionale di droga nel giugno 2013, sarebbe stato il referente del clan Di Lauro nella piazza di spaccio del rione dei Fiori.

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Presunti abusi nel collegio dei chierichetti: il Vaticano apre una nuova indagine

Nuova inchiesta sul preseminario 'San Pio X'. Il tema scottante affrontato nel nuovo libro di Nuzzi

Sole e nuvole nel weekend: il meteo del 18 e 19 novembre

Le previsioni per sabato e domenica. Allerta arancione in Calabria

Parma, l'Ospedale Maggiore dove è morto Toto Riina

Taranto, carabiniere uccide sorella, cognato e padre e si spara: è grave

La tragedia è avvenuta in una strada centrale del paese, a Sava. Lite in famiglia: il militare è in fin di vita

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "La scienza ha dei limiti da rispettare. Serve responsabilità etica"

Il pontefice: "Tutti devono beneficiare del diritto alla tutela della salute"