Mercoledì 11 Ottobre 2017 - 11:15

Tradito dalla fede per il Napoli: arrestato camorrista latitante

In manette Emanuele Niola, 33enne referente del clan Di Lauro

Tradito dalla fede per il Napoli: arrestato camorrista latitante

La passione per il Napoli ha tradito Emanuele Niola, 33enne latitante ritenuto essere legato al clan camorrista Di Lauro, che è stato fermato dai carabinieri a Secondigliano. I militari lo hanno rintracciato dopo aver intercettato una telefonata in cui una persona legata a Niola ordinava due biglietti per Napoli-Inter, in programma al San Paolo il prossimo 21 ottobre, ma non faceva il nome del secondo spettatore. Insospettiti, hanno intensificato le ricerche nella periferia nord della città fino all'arresto, avvenuto in un autolavaggio di Secondigliano.

Niola, che stava parlando con dei conoscenti a bordo di un'utilitaria, non ha opposto resistenza ma avrebbe detto solo di voler iniziare una nuova vita lontana dallo spaccio. Il malvivente fuggiva proprio da una condanna per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, per la quale deve scontare 6 anni e 7 mesi. Niola, arrestato nel corso di un'operazione contro il traffico internazionale di droga nel giugno 2013, sarebbe stato il referente del clan Di Lauro nella piazza di spaccio del rione dei Fiori.

Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Calabria, ucciso a colpi di pistola in spiaggia a Nicotera Marina

Omicidio in spiaggia a Nicotera: si costituisce presunto killer

Francesco Timpano era stato freddato in un noto lido balneare il 12 agosto scorso

THEMENBILD, Tourismus am Mont Blanc

Muore alpinista italiano sul Monte Bianco. Saliva in solitaria non assicurato

La tragedia sulle Grandes Jorasses. Caduta di 600 metri. Due vittime domenica sul versante svizzero del Cervino

Maltempo in Calabria, escursionisti travolti dalla piena di un torrente: otto morti

Tragedia nelle gole del Raganello a Civita di Castrovillari (Cosenza). Cinque dispersi, 23 salvati

Crollo ponte Genova: posizionato georadar che monitora i tronconi

Il Procuratore Cozzi: "Inchiesta lunga. Non escluse concause geologiche o sismiche"

Parla a LaPresse il capo della Procura di Genova. Esclusa la questione del meteo. Autorizzate rimozioni. Imprevedibilità? "No, un ponte è fatto per stare in piedi"