Mercoledì 19 Luglio 2017 - 18:00

Tour, arriva la crisi per Fabio Aru. Ora è quarto in classifica generale

A Serre Chavalier trionfa lo sloveno Roglic Il sardo in ritardo di 53" da Froome sempre in giallo. Bene Uran e Bardet

Ciclismo, Tour de France - Tappa Sedici

La dura legge del Galibier complica terribilmente i sogni in giallo di Fabio Aru. Il leader del Tour de France Chris Froome (Sky) supera il terribile esame della 17/a tappa, la La Mure - Serre Chevalier di 183 km. Giornata di sofferenza invece per il sardo della Astana che scivola giù dal podio.

Il successo di tappa, seguita a bordo dall'ammiraglia dal presidente francese Emmanuel Macron, è andato allo sloveno Primoz Roglic (Slo/LottoNL-Jumbo), capace di imporsi per distacco, dopo la fuga e l'attacco sul Galibier, e di regalare al suo paese la prima vittoria nella storia della Grande Boucle. A 1'13" il gruppetto formato da Rigoberto Uran (Cannondale-Drapac), Froome e i francesi Romain Bardet (AG2R La Mondiale) e Warren Barguil (Team Sunweb). Sesto, a 1'16", lo spagnolo Mikel Landa (Team Sky). 31" sono invece i secondi di distacco di Aru, che sulla vetta del Galibier non riesce a tenere il passo dei migliori.

La classifica vede il campione in carica del Tour al comando con 27" su Uran e Bardet e 53" sul 'tamburino sardo'. Ed ora per l'azzurro dell'Astana si fa davvero dura. Il primo colpo di scena arriva dopo una ventina di chilometri con la caduta di Marcel Kittel. Il tedesco, dolorante a gomito, spalla e ginocchio, è costretto ad arrendersi e abbandonare la carovana portandosi via le cinque vittorie in questa edizione, mentre la maglia verde vola sulle spalle di Michael Matthews.

E' come previsto il Galibier ad accendere lo spettacolo: si mette in grande evidenza Bardet, ma il suo attacco viene disinnescato da Froome ed Uran. In precedenza, sulla Crox de Fer, si era distinto uno scatenato Alberto Contador (Movistar). Lo spagnolo, ormai fuori dai giochi per la vittoria finale, è uscito  dal gruppo ed è arrivato toccare i 5" sul gruppo della maglia gialla, per poi essere 'accompagnato' al comando da Roglic, Pauwels, Frank e Atapuma. A questo punto lo sloveno decide di regalarsi una giornata da protagonista, giungendo per primo sul Souvenir Henri Desgrange (la vetta del Galibier), con i suoi 2646 metri il punto più alto di questa edizione della Grande Boucle, Contador viene riassorbito dal gruppo di Froome. Diversamente a Froome ed Uran che reagiscono all'azione di Bardet, Aru va in difficoltà. E nella discesa verso Serre Chevalier, ancora una volta, non può contare sull'aiuto della sua squadra.

Il sardo chiude decimo al traguardo, i riflettori se li prende Roglic con la sua fuga per la vittoria durata 100 km. La strada si mette dunque in salita per l'azzurro, che però non intende alzare bandiera bianca. "Oggi ho perso e non posso essere contento, ma il Tour finisce domenica", il primo commento a caldo. "Non è stata una giornata positiva ma questo è il ciclismo. Bisogna accettare le giornate in cui si perde qualcosa". "L'attacco in salita? Eravamo ad una certa quota, mi sono ritrovato con energie per non rispondere, ma è così. Sicuramente la tappa di ieri è stata dura, oggi anche e domani sarà altrettanto. Ho perso rispetto ai miei rivali diretti e questo non mi può far piacere, ma bisogna accettare anche quando si perde".

La certezza è che se Aru vuole puntare al trono di Parigi dovrà dare subito una risposta ed andare all'attacco. Già domani, lungo le rampe della 18/a frazione, 179,5 km con partenza da Briancon ed arrivo sull'Izoard. Una tappa che non mancherà di regalare emozioni e che potrebbe riaprire i giochi di classifica.

Ordine d'arrivo della 17a tappa:

La Mure - Serre Chevalier di 183 km.

1. Primoz Roglic (Slo/LottoNL-Jumbo) 5:07:41",

2. Rigoberto Uran (Col/Cannondale-Drapac) +1:13",

3. Chris Froome (Gbr/Team Sky),

4. Romain Bardet (Fra/AG2R La Mondiale),

5. Warren Barguil (Fra/ Team Sunweb),

6. Mikel Landa (Spa/Team Sky) +1:16",

7. Daniel Martin (Irl/Quick-Step Floors) +1:43",

8. Alberto Contador (Spa/Trek-Segafredo) +1:44",

9. Louis Meintjes (Rsa/UAE Team Emirates),

10. Fabio Aru (Ita/Astana Pro Team),

11. Mathias Frank (Svi/AG2R La Mondiale),

12. Darwin Atapuma (Col/UAE Team Emirates) +1:59",

13. Serge Pauwels (Belgium / Team Dimension Data) +3:10",

14. Simon Yates (Gbr/Orica-Scott) +3:14",

15. Daniel Navarro (Spa/Cofidis, Solutions Credits) +5:07",

 

La classifica generale del Tour de France dopo la 17/a tappa.

1. Chris Froome (Gbr/Team Sky) 73:27:26",

2. Rigoberto Uran (Col/Cannondale-Drapac) +27",

3. Romain Bardet (Fra/AG2R La Mondiale),

4. Fabio Aru (Ita/Astana Pro Team) +53",

5. Mikel Landa (Spa/Team Sky) +1:24",

6. Daniel Martin (Irl/Quick-Step Floors) +2:37",

7. Simon Yates (Gbr/Orica-Scott) +4:07",

8. Louis Meintjes (Rsa/UAE Team Emirates) +6:35",

9. Alberto Contador (Spa/Trek-Segafredo) +7:45",

10. Warren Barguil (Fra/Team Sunweb) +8:52",

11. Damiano Caruso (Ita /BMC Racing Team) +10:03",

12. Nairo Quintana (Col/ Movistar Team) +12:54",

13. Alexis Vuillermoz (Fra/AG2R La Mondiale) +20:36",

14. Mikel Nieve (Spa/Team Sky) +21:16",

15. Emanuel Buchmann (Ger/BORA-hansgrohe) +27:06".

 

Scritto da 
  • Attilio Celeghini
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

GBR, IAAF, Leichtathletik WM 2017

Atletica, Diamond League: Barshim vince con 2,40, Tamberi solo 7°

Male l'italiano nell'alto con 2,20 e tre errori a 2,24

CRO, FIVB World Tour, Beachvolleyball Major Series, Porec

Lupo-Nicolai sul tetto d'Europa: campioni indiscussi di beach volley

La coppia di italiani ha battuto il duo dei padroni di casa della Lettonia Samoilov-Smedins

Cycling - The 104th Tour de France cycling race

Ciclismo, Vuelta al via: Nibali e Aru lanciano la sfida a Froome

L'anno scorso il campione inglese è stato beffato da Nairo Quintana anche grazie ad un attacco inatteso in discesa di Alberto Contador

Mondiali, Palmisano bronzo nella 20 km di marcia: prima medaglia per l'Italia

Mondiali, Palmisano bronzo nella 20 km: prima medaglia Italia

L'atletica azzurra torna così su un podio mondiale a quattro anni di distanza dalla medaglia d'argento di Valeria Straneo