Martedì 10 Gennaio 2017 - 09:30

Torvalds (Alde): Grillo è antieuropeo, giusto averlo fermato

Fare entrare nell'Alde i pentastellati, prosegue l'europarlamentare finlandese, "avrebbe significato mandare in soffitta tutti gli ideali di cui ci riempiamo la bocca"

Torvalds (Alde): Grillo è antieuropeo, giusto averlo fermato

"Non avrei potuto più guardarmi allo specchio, se quel patto tra Verhofstadt e Grillo fosse andato in porto. Guy è un politico navigato: ha capito che se avessimo votato l'accordo, la maggioranza di noi lo avrebbe sconfessato. Così ha fatto marcia indietro". Lo dice, intervistato da Repubblica, Nils Torvalds, 72 anni, europarlamentare dell'Alde che si è opposto all'ingresso del Movimento 5 Stelle nell'Alleanza. L'accordo tra Grillo e Verhofstadt, chiarisce, è stato portati avanti segretamente: "è la cosa che mi ha sconvolto di più", dice Torvalds, e perciò "mi sono indignato".  Fare entrare nell'Alde i pentastellati, prosegue l'europarlamentare finlandese, "avrebbe significato mandare in soffitta tutti gli ideali di cui ci riempiamo la bocca. Alde è europeista, Grillo invece è euroscettico, è un prodotto della crisi e offre soluzioni semplici ma irrealizzabili a problemi complessi. Fa cheap politics".
 

Torvalds parla del futuro dell'Alleanza. "Il pericolo più grande" per l'unità "è scampato. Se avessimo accettato l'unione con Grillo, allora sì che noi di Alde ne avremmo pagato molto caro il prezzo - spiega - sul lungo periodo". In ogni caso, precisa, "non sarei così sicuro" che Verhofstadt sarà "il nostro candidato alla presidenza dell'Europarlamento".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito

Cdp, chi è Palermo: manager interno che ha lavorato a Fincantieri

Lavora già a Cdp da quasi 4 anni, dove è Chief Financial Officer

Camera dei Deputati - Voto di fiducia al governo Conte

Cdp, c'è l'accordo sulle nomine: l'ad sarà Fabrizio Palermo. Fumata bianca dopo il vertice a Palazzo Chigi

Sbloccato l'impasse. Di Maio: "L'intesa è un'ottima notizia". Tria incassa la nomina desiderata al Tesoro: Rivera nuovo dg