Martedì 19 Gennaio 2016 - 17:45

Torino, ucciso 64enne:gola tagliata e banconote vicino al cadavere

Pierpaolo Pomatto, di Feletto, è stato ritrovato senza vita nel boschi intorno a Rivarolo Canavese

Ritrovato uomo con gola tagliata a Rivarolo canavese.

Un uomo di 64 anni, Pierpaolo Pomatto, di Feletto (Torino), è stato ritrovato senza vita fa nel boschi intorno Rivarolo Canavese. L'uomo era a testa in su e ha un profondo taglio alla gola. Il cadavere, in una pozza di sangue, è stato visto da un passante che ha allertato le forze dell'ordine. Sul posto, oltre ai carabinieri di Ivrea e del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Torino, sono arrivati il sostituto procuratore di Ivrea Ruggero Mauro Crupi e il medico legale Mario Apostol. La vittima ha precedenti per truffa, estorsione e furto. Accanto al corpo c'erano una ventina di banconote facsimile da 50 euro. Gli esami svolti sul cadavere hanno messo in luce un colpo di pistola alla nuca, sotto il cuoio capelluto, con foro d'uscita alla gola.

In serata è stata trovata dai carabinieri la macchina della vittima: era parcheggiata a 300 metri dal supermercato Pam di Rivarolo. Era aperta con le chiavi inserite. All'interno o intorno all'auto nessuna traccia visibile.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ragazza diciassettenne trovata in un parco con ferite alla testa dopo notte in discoteca

La Spezia, 50enne morto a Sarzana: si indaga per omicidio

Era un architetto con una bella famiglia senza alcun precedente penale

Smog  e nebbia - panoramica stazione Centrale con Grattacieli

Smog, Appendino: Situazione grave, non è esagerato tenere le finestre chiuse

La città di Torino è maglia nera per sforamento dei livelli di polveri sottili

IL PRELIEVO AL BANCOMAT

La crisi spaventa: il denaro non circola, 38 miliardi di riserve in più

I cittadini accumulano per timore di nuove tasse, le imprese non investono perché non hanno fiducia nel futuro

Belgio, insetti da mangiare

Insetti a tavola dal 1 gennaio, più di 1 italiano su 2 è contrario

Molti provengono da Thailandia o Cina da anni ai vertici delle classifiche per numero di allarmi alimentari