Martedì 19 Gennaio 2016 - 16:45

Torino, ucciso 64enne: gola tagliata e banconote vicino a cadavere

La vittima ha precedenti per truffa, estorsione e furto ed è stato assolto per presunti legami con le Br

Ritrovato uomo con gola tagliata a Rivarolo Canavese

Un uomo di 64 anni, Pierpaolo Pomatto, di Feletto (Torino), è stato ritrovato senza vita nei boschi intorno a Rivarolo Canavese. L'uomo era a testa in su con un profondo taglio alla gola. Il cadavere, in una pozza di sangue, è stato visto da un passante che ha allertato le forze dell'ordine. Sul posto, oltre ai carabinieri di Ivrea e del Nucleo investigativo del comando provinciale di Torino, sono arrivati il sostituto procuratore di Ivrea Ruggero Mauro Crupi e il medico legale Mario Apostol. La vittima ha precedenti per truffa, estorsione e furto. L'uomo, in passato, è stato anche processato e poi assolto per i suoi presunti legami con le Brigate Rosse. Accanto al corpo c'erano una ventina di banconote facsimile da 50 euro. Secondo quanto rendono noto i carabinieri, Pomatto sarebbe stato ucciso nel luogo in cui è stato trovato il corpo, perché non vi sono tracce di sangue che possano far pensare a uno spostamento o al trascinamento del corpo. Non è ancora stata trovata l'arma del delitto.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catania, maxi sbarco migranti a bordo della nave "Vos Hestia" di Save the children

Migranti, nave Save the Children perquisita dalla polizia a Catania

Le operazioni a bordo della Vos Hestia. L'Ong: "Noi estranei alle indagini, sospendiamo operazioni in mare"

Brescia, incidente mortale alla gara di auto Malegno Borno

Incidente mortale a Riccione: passante fa diretta Fb ma non chiama i soccorsi

Indignazione sul web nei confronti del ventinovenne che ha messo online il decesso di un altro ragazzo

Legnano, operaio muore in seguito al crollo di un impalcatura

Puglia, reati contro la pubblica amministrazione: arrestati i sindaci di Torchiarolo e Villa Castelli

L'operazione dei carabinieri. In manette 12 persone tra cui anche vari dirigenti di uffici tecnici comunali