Domenica 04 Giugno 2017 - 21:30

Panico Torino, al vaglio immagini: c'è anche ragazzo a torso nudo

Ad aver scatenato il caos potrebbe essere stato proprio il giovane. Sono 1527 le persone rimaste ferite nella fuga generale

Champions League, panico a Torino in piazza San Carlo: tifosi della Juve in fuga

Sono in corso le indagini sui fatti avvenuti ieri sera in piazza San Carlo a Torino durante la finale di Champions League. Al vaglio le immagini e i video registrati nella serata di sabato. Anche quelle che riguardano un giovane con uno zaino che si aggirava nella piazza a torso nudo: le immagini che lo ritraggono hanno fatto il giro dei siti internet questo pomeriggio. Le indagini sono a 360 gradi, ma fonti investigative riferiscono che non sono in corso ricerche in particolare sul soggetto ritratto a torso nudo, in quanto tutte le immagini sono al vaglio e oggetto di attenta analisi da parte degli investigatori.

La procura di Torino "smentisce la notizia secondo cui allo stato si procede per il reato di procurato allarme". "Ogni ipotesi potrà essere formulata solo dopo la ricostruzione della dinamica dei fatti", precisa il procuratore capo del capoluogo piemontese, Armando Spataro. "Stiamo cercando di ricostruire l'esatta dinamica dei fatti - spiega Spataro - attraverso le dichiarazioni dei presenti, le analisi dei filmati disponibili e le relazione degli operatori delle forze dell'ordine addette al controllo della sicurezza". 

Intanto la questura continua a ricevere decine di mail e telefonate di segnalazione per cercare di capire perché si sia scatenato il panico tra i tifosi.

LEGGI ANCHE Torino, Airola (M5S): Sui feriti dati farlocchi. Poi si scusa

Sono 1527 le persone rimaste ferite durante la fuga generale. Otto le persone soccorse in codice rosso. Tra i feriti c'è anche un bambino con trauma cranico e toracico, è in prognosi riservata al Regina Margherita. 

LEGGI ANCHE Torino, il racconto del medico: Ho curato i feriti in un bar

Loading the player...

"In relazione ai fatti di Piazza San Carlo la Città di Torino precisa che il soggetto organizzatore, Turismo Torino, ha operato con le medesime modalità messe in atto nel 2015 in occasione della finale proiettata il 6 giugno", si legge in una nota del Comune del capoluogo piemontese. "Anche in quel caso - prosegue il Comune - la Città, con propria delibera, aveva incaricato Turismo Torino quale soggetto organizzatore e non era stato approvato alcun provvedimento di ulteriore limitazione nella vendita di vetro e metallo, oltre a ciò che è previsto dall'art. 8 bis del Regolamento di Polizia Urbana".

"Per ciò che concerne la presenza di venditori abusivi sono in corso le verifiche da parte dell'Amministrazione per individuare le eventuali responsabilità. Per la giornata di domani la sindaca Chiara Appendino attende dal Comandante Ivo Berti una relazione in merito alle attività svolte sul campo, e riferirà degli esiti in aula".

Nel frattempo Carlo Tavecchio, presidente della Figc, è arrivato da poco all'ospedale Regina Margherita di Torino, dove è ricoverato Kelvin, il bambino cinese di 7 anni, in rianimazione in gravi condizioni, ferito nella calca seguita ai fatti di ieri in piazza San Carlo. Il piccolo ha riportato un trauma cranico e toracico. Tavecchio è arrivato con Beppe Marotta, ad della Juventus.

"Sono qui in forma privata. Fatevi coraggio. Mi raccomando. Vi stiamo vicini", ha detto Marotta ai genitori del piccolo.

LEGGI ANCHE Torino, padre bimbo ferito: Mai più mio figlio in piazza tra folla

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Mafia, due milioni di risarcimento alla famiglia del 13enne ucciso per vendetta

Giuseppe Di Matteo sequestrato e sciolto nell'acido perché il padre era un pentito

Cielo tra sole e nuvole, poi arrivano i temporali: il meteo del 22 e 23 luglio

Per i meteorologi del Centro Epson Meteo, tempo instabile da nord a sud. Settimana con caldo nella norma

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

'Ndrangheta, agguato nel Reggino: ucciso un uomo, ferito grave bambino

I killer hanno aperto il fuoco in un terreno di proprietà del 39enne, pregiudicato e ritenuto appartenente all'omonima cosca. Grave il bimbo di 10 anni che era con lui

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori