Domenica 11 Dicembre 2016 - 17:45

Higuain è diventato il signore del derby Toro-Juve

I bianconeri stendono i granata 3-1. Doppietta per il 'Pipita'

Higuain è diventato il signore del derby Toro-Juve

Nel segno di Gonzalo Higuain la Juventus ha conquistato il derby della Mole e ha spedito un messaggio inequivocabile al campionato, otre che "all'altra" Torino, smaniosa di poter vincere e festeggiare la leadership cittadina. La superiorità dei campioni d'Italia è venuta fuori alla distanza, anche se un paio di episodi della ripresa, in particolare un tiro di Ljajic e una ribattuta su una conclusione di Benassi, avrebbero potuto fare prendere una piega diversa alla gara. Ma se si allarga l'analisi era inevitabile che l'epilogo fosse questo, forse un po' esagerato nel punteggio, però fedele ai rapporti di forza in campo. La squadra di Massimiliano Allegri continua a esprimersi attraverso un gioco sincopato, del resto non va nemmeno dimenticato quanti titolari mancano all'appello e quanti sono in rodaggio, eppure viaggia a ritmi forsennati. Il punto debole bianconero rimane il centrocampo, che ha sofferto molto contro i granata, nell'attesa che a gennaio salti fuori qualche coniglio da cilindro di Marotta; la magia vera, intanto, l'ha compiuta Allegri medesimo, indovinando i cambi e mostrando una malleabilità tattica particolare.

I BOMBER - Rimane una considerazione a margine. Mai negli ultimi anni il derby di Torino era stato così equilibrato a dispetto dei nomi e dei fatturati, di ciò che si diceva ad agosto e di ciò che racconta la classifica. Un derby che Torino e Juventus hanno giocato a viso aperto e che, in fondo, hanno onorato fino alla fine, senza tatticismi e con un coefficiente di nervosismo sintonico alla portata dell'evento. Non è casuale che sulla partita ci sia stata la griffe esclusiva dei bomber, Belotti e Higuain, paradossalmente a lungo trascurati dai compagni, incredibilmente bravi a capitalizzare il rapporto tra occasioni avute e gol fatti. Il Gallo ha cantato il suo jingle, di testa, Il Pipita ha replicato con una zampata tipica del suo repertorio. In realtà, l'argentino ha realizzato anche la rete del sorpasso e n'è mangiato un'altra poco dopo. La sua diciannovesima doppietta in serie A consegna ad Allegri una riflessione: deve essere sfruttato di più e meglio, non perché sia costato quasi 100 milioni ma perché è un fenomeno. A discolpa dell'allenatore c'è l'infortunio di Dybala: l'intesa con il suo connazionale è perfetta e la prova pratica è la dinamica della terza rete, firmata da Pjanic in cui l'ex gioiello del Palermo è stato determinante.

LA SVOLTA - La Juventus, oltre che su Higuain, ha costruito il successo sulla caparbietà di Chellini e Rugani in difesa, lo stesso non si può dire per il Torino che ha avuto in Rossettini e Barreca due debolezze, in Castan un marcatore ordinario. Per la verità, pure il tridente non ha funzionato come Mihajlovic avrebbe voluto: Belotti a parte, giunto al gol numero 11, Falque si è visto di rado e Ljajic è andato a sprazzi. Al netto degli episodi di cui sopra, probabilmente era lecito attendersi di più in fase conclusiva, tanto che il tecnico serbo, per disperazione, a dieci minuti dall'epilogo ha sostituito contemporaneamente Baselli, Benassi e Falque con l'intento di imprimere la svolta. Che però si è materializzata al contrario.

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Juventus, Cristiano Ronaldo al J medical accolto dai tifo

Ronaldo fuoriclasse generoso, mancia record in Grecia: 20mila euro ai camierieri del resort

È quanto rivela il Sun. Il campione è rimasto talmente impressionato dal servizio ricevuto che non poteva andarsene senza un ringraziamento speciale

Mondiali Russia 2018, il Brasile lascia l'hotel a Kazan

Calciomercato, Alisson-Liverpool è fatta. Higuain-Rugani verso Chelsea

Il club inglese ha raggiunto l'accordo con la Roma: operazione da 75 milioni di euro. Il nazionale verdeoro firmerà un contratto quinquennale da 5,5 milioni a stagione

Cristiano Ronaldo esce per salutare

Juve, il giro del mondo di Ronaldo non passerà dagli Stati Uniti

Non andrà in America con la squadra ma dal 30 luglio sarà a disposizione. Ora è già partito per un tour promozionale della Nike in Cina

Ronaldo con la famiglia allo stadio: subito maglia della Juve per Cristiano Jr.

I primi scatti della nuova vita bianconera postati su Twitter