Mercoledì 04 Maggio 2016 - 12:45

Torino, Finanza sequestra oltre 100mila capi di abbigliamento

L'operazione ha consentito di denunciare 30 responsabili per il reato di frode

Torino, Finanza sequestra oltre 100mila capi di abbigliamento

Dalle prime ore di questa mattina, è in corso un'imponente operazione della guardia di finanza di Torino e Prato nel settore della tutela del Made in Italy e delle frodi ai consumatori. L'attività, scaturita da un sequestro eseguito dai 'baschi verdi' del gruppo Torino in un negozio della centrale via Garibaldi, ha permesso di ricostruire una imponente frode commerciale nel settore dell'abbigliamento. In particolare, dalle analisi di laboratorio effettuate da personale del Laboratorio BuzziLab di Prato sui capi venduti, è emerso che quest'ultimi, anziché essere composti da filati pregiati, erano confezionati, prevalentemente, con acrilico e polyammide. Complessivamente, l'operazione ha consentito di denunciare 30 responsabili per il reato di frode in commercio con il contestuale sequestro di oltre 100mila capi d'abbigliamento, 120mila etichette false e numerosi macchinari industriali utilizzati per la frode. I capi d'abbigliamento, grazie ai provvedimenti che emetterà l'autorità giudiziaria, non saranno distrutti ma destinati a enti caritatevoli per le esigenze di numerose famiglie indigenti.
 

I finanzieri, coordinati dalla procura della Repubblica di Torino, sono quindi risaliti, esaminando la contabilità, ai fornitori del commerciante dei capi sequestrati, individuandoli presso l'area Città Commerciale di Settimo Torinese (Torino). Ed è proprio presso alcune imprese all'interno del centro commerciale, gestite da soggetti di nazionalità cinese, tutti grossisti nel settore dell'abbigliamento, che sono stati trovati decine di migliaia di capi d'abbigliamento con indicazioni merceologiche false sia in merito alla provenienza che alla composizione dei singoli prodotti.

 Le ulteriori indagini, che tra l'altro hanno portato gli inquirenti a effettuare controlli presso due importanti aziende del settore di Roma e Milano, hanno consentito di ricostruire l'intera filiera del falso, con basi logistiche nel comune di Prato, con tanto di roccatrici e filatrici industriali, in cui venivano realizzati i falsi capi in cachemire, mohair, pura lana vergine e seta. L'epilogo in queste ore, con oltre 150 militari impiegati, supportati anche da un elicottero del Corpo, nelle perquisizioni di 20 aziende operanti nel settore dell'import-export e della produzione di capi d'abbigliamento e nel sequestro di migliaia di capi d'abbigliamento pronti per essere immessi in commercio.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Carlo Alberto Torino

Torino, dal 9 all’11 giugno il primo Salone Internazionale del Caffè

Turin Coffee si svolgerà nella cornice di piazza Carlo Alberto

Incidente ferroviario con una persona coinvolta alla stazione fs Garibaldi

Pisa, dimentica la bimba di un anno in auto. La piccola muore

In uno stabilimento vicino al capoluogo toscano. Il padre l'ha lasciata nel parcheggio

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Carabinieri accusati di stupro da studentesse Usa: chiesto rinvio a giudizio

I due militari di recente sono stati destituiti dall'Arma

Firenze, destituiti carabinieri accusati di violenza su studentesse americane

I due sono in attesa della decisione sul loro rinvio a giudizio