Lunedì 21 Marzo 2016 - 15:15

Torino, figli di madri in carcere frequenteranno scuole città

E' stato siglato questa mattina un accordo tra il Comune, la casa circondariale e l'Ufficio esecuzione penale esterna

Torino, figli di madri in carcere frequenteranno scuole città

I figli delle donne detenute nel carcere torinese 'Lorusso-Cotugno' saranno inseriti negli asili nido e nelle scuole dell'infanzia della città. E' stato infatti siglato questa mattina un accordo tra il Comune, la casa circondariale e l'Ufficio esecuzione penale esterna per favorire l'integrazione dei bambini fuori dalle mura del carcere. I piccoli fino a 3 anni sono accolti nel nido Elvira Verde' in via Primule 5 e, da quest'anno, i piccoli da 3 a 6 anni potranno frequentare la scuola d'infanzia di via Primule 36. All'interno dell'Istituto di custodia attenuata per le madri del 'Lorusso e Cutugno' i bimbi sono ospitati con le loro madri. Il progetto dell'Assessorato alle Politiche educative, guidato da Mariagrazia Pellerino, prevede che i bimbi partecipino alle attività proposte dalle educatrici del nido, compreso il momento del pasto, per cinque giorni alla settimana dalle 9 alle 13. Qui i piccoli resteranno tutto il tempo dello svolgimento dell'attività e nella scuola dell'infanzia fino al termine delle ore previste dallo specifico progetto educativo.

"E' un passo importante - ha sottolineato Pellerino -  perché anche le bambine e i bambini detenuti con le mamme possono usufruire dei servizi educativi per l'infanzia e vivere fuori dal carcere una parte della loro giornata. Lavorare sulla genitorialità delle persone detenute è un modo concreto per contribuire ai loro percorsi di reinserimento nella vita sociale".
 

 Intanto proseguono le attività di accompagnamento dei bambini da parte degli educatori e quelle di sostegno alle mamme all'interno del carcere; si tratta di interventi sostenuti e monitorati dalla Garante dei Diritti delle Persone private della libertà del Comune di Torino, Monica Cristina Gallo. Da quest'anno scolastico, inoltre, l'Assessorato alle Politiche educative interverrà a sostegno delle madri e dei padri detenuti con due iniziative. Un incontro rivolto a tutti i detenuti, inserito all'interno del programma di appuntamenti sull'educazione con mamma e papà, che viene realizzato da diversi anni nei nidi e nelle scuole dell'infanzia della Città. Si svolgerà all'interno della casa circondariale e sarà tenuto da Lia Sacerdote, presidente della cooperativa 'Bambini oltre le sbarre', che in Italia sostiene i progetti a favore dei figli dei detenuti e del loro rapporto con i loro genitori. L'incontro si terrà nel mese di giugno. Tre appuntamenti saranno destinati alle mamme ospiti nel 'Lorusso e Cutugno' con educatrici e personale dei servizi educativi per la prima infanzia volti a sensibilizzare le madri sui benefici che bambine e bambini possono ricavare dalla frequenza al nido o alla scuola dell'infanzia.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Terremoto di magnitudo 5.2 in Molise. Piccoli crolli, paura

Avvertito nel Lazio, in Campania, in Abruzzo, nelle Marche e in Puglia. Paura ma nessun danno alle persone

Infrastrutture, l'esperto: "Per la manutenzione è tempo di big data"

Per Bonvino, ceo e fondatore di Sysdev, la soluzione è l'analisi statistica di dati

Genova, crollo Ponte Morandi: continuano le ricerche dei dispersi e la messa in sicurezza

Autostrade, scontro sulla concessione. Di Maio: "Pd ha preso i soldi". Renzi: "Bugiardo"

E' battaglia sui social. Secondo il M5S Benetton avrebbe sovvenzionato "legalmente" fondazioni vicini al Pd. Replica Orfini: "I nostri conti sono pubblici. Vi riferite anche alla Lega?"

IL VIADOTTO DELLA MAGLIANA A ROMA.

Dopo Genova ora Roma trema sul 'ponte gemello' di Morandi

Il viadotto della Magliana ha superato di 20 anni il suo limite massimo di servizio. Interrogazioni a Comune e Mit da Pd e Fdi