Martedì 27 Dicembre 2016 - 18:30

Torino, Appendino domani al Lingotto servirà alla cena per mille poveri

La sindaca della città della Mole sarà cameriera d'eccezione

Torino, Appendino domani al Lingotto servirà cena per mille poveri

Avrà una cameriera d'eccezione la 'Cena auguri a Mille' destinata alle persone in difficoltà e in programma domani a Torino al Lingotto fiere, a partire dalle 19. Sarà la sindaca di Torino Chiara Appendino che servirà "la cena di gala molto speciale", il banchetto delle feste per i meno fortunati, che non possono permettersi un cenone della Vigilia o un pranzo di Natale, con 300 volontari. L'iniziativa è organizzata dal Banco alimentare e da Gambero Rosso.

A partire dal 2011, il Banco Alimentare del Piemonte promuove "la Cena Auguri a Mille a cui sono invitate mille persone in difficolta - mille 'piemontesi provenienti da tutte le parti del mondo', per condividere un cenone di gala", spiegano gli organizzatori.

"Nei cento tavoli allestiti a festa, accanto al profumo del cibo e del pane si respira solidarieta, inclusione, attenzione a ogni singola persona, la cui dignita non passa soltanto attraverso la soddisfazione dei bisogni, ma a quello, fondamentale per ogni individuo, di sentirsi parte di una comunita, nella condivisione di un periodo speciale", sottolineano.

"La Cena a Mille e per Torino ormai una tradizione che vede operare insieme diversi soggetti: dalle strutture caritative ai partner come Fondazione Gambero Rosso e GL events Italia; dai volontari alle aziende donatrici.Un grazie anche ai molti soggetti che sostengono durante tutto l'anno il Banco Alimentare del Piemonte che ha potuto sfidare la crisi economica, distribuendo anche nel 2016 circa 6.400 tonnellate, un risultato importante anche se non ancora sufficiente a fronteggiare il crescere del bisogno", afferma il presidente del Banco Alimentare del Piemonte Salvatore Collarino.

La Cena a Mille del 2016 vede per la prima volta la partecipazione della nuova Fondazione Gambero Rosso e Gambero Rosso che estendono ad un impegno sociale la trentennale vocazione enogastronomica individuando gli chef per la serata. Accanto ai 300 volontari, fra i camerieri speciali anche Pierluigi Dovis, direttore Caritas Torino.

"La preparazione gioiosa e creativa del cibo di qualità è anch'essa veicolo di amore e di condivisione.Per questo la nostra Fondazione ed il Gambero Rosso nel suo insieme hanno gradito l'invito a partecipare a questa iniziativa di cosi forte significato del Banco Alimentare che testimonia l'attenzione per i piu deboli e prova ad alleviare, in occasione delle feste, il loro senso di solitudine e di difficolta.üAnche cucinare e un atto d'amore", dice Paolo Cuccia, fondatore e Vice Presidente esecutivo della Fondazione Gambero Rosso.

I quattro chef della cena saranno Massimo Camia, Michelangelo Mammoliti, Ivan Milani e Alfredo Russo, tra i migliori del Piemonte. I dolci saranno firmati da Alessandro Dalmasso e Giovanni dü'Agnese, maestri della pasticceria regionale. I due pasticceri allieteranno i commensali con una degustazione di bignoline di Natale e un panettone della tradizione pinerolese, con glassa di mandorle e zucchero e svariati gusti, dal cioccolato ai marroni, all'arancia. Il pane in tavola, invece, sarà realizzato da 12 ragazzi della Piazza dei Mestieri impegnati nel corso di Panificazione, che per la cena sforneranno 200 chili di pane.

Allo chef Massimo Camia, dall'omonimo ristorante di La Morra, nelle Langhe, compete la prima portata nel segno della tradizione locale, con i Raviolini di cappone nel suo ristretto. Michelangelo Mammoliti, il giovane chef de La Madernassa di Guarene, preparerà Pop, un coniglio al tartufo nero e crema di sedano nel suo jus. Per Ivan Milani, dalla vetta di Piano35 (Grattacielo Intesa Sanpaolo), la prova del pesce, con i Calamari in guazzetto, mentre Alfredo Russo dal suo Dolce Stil Novo alla Reggia di Venaria, porterà in tavola  una Burnia di patate con fonduta alla toma di Lanzo. In accompagnamento Ruché La Tradizione 2015 e Barbera d'Asti solo acciaio di Montalbera, ed Erbaluce La Rustia di Orsolani, Erbaluce di Caluso docg 2015 Cantina della Serra, Moscato d'Asti Cantina G.D. Vajra. L'intrattenimento è a cura di Si Fa Soul Singers, un coro gospel e soul contemporaneo, made in Piemonte.

Per mille commensali lo spazio, il Padiglione 5, è stato messo a disposizione da GL events Italia e Lingotto Fiere.

La Cena a Mille è resa possibile grazie al sostegno di Ais, Avalon Food&Consulting di Gabriele Enrico, Centrale del Latte di Torino, Centro Servizi Vol.To., Citta di Torino, Circoscrizione 8 Citta di Torino, Citta del Gusto di Torino, Cocina Clandestina, Corpo dei Vigili del Fuoco, Gambero Rosso, GL events Italia/Lingotto Fiere, Immagino Elettroniche, G.D., Vajra, Lavazza, Molecola, Monge, Montalbera, On Off Audio video Luci, Ortogranda, Piazza dei Mestieri, P&P Italia, Rotary Club Torino Conemporanea, Reale Mutua, San Pellegrino; TRConsulting di Roberto Tradito, Seinox Si Fa Soul Singer, Unox e Vinaino Fiorenza.

Scritto da 
  • Laura Carcano
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Viminale. Riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza

Minniti: "Gestire flussi migratori. Vedo luce in fondo a tunnel"

Il resconto del ministro degli Interni a Ferragosto. E sulle Ong: "Rispettiamo chi non ha firmato il codice"

Assemblea nazionale di Confesercenti

Boldrini: Non lascio social, sarebbe una sconfitta

La presidente della Camera torna a commentare la decisione di procedere per vie legali nei confronti di chi la insulterà sui social network

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Berlusconi e Renzi, nodo alleanze ancora da sciogliere

Le candidature per le elezioni in Sicilia sono in evidente stallo, con Angelino Alfano ancora ago della bilancia

Italian foreign minister Angelino Alfano gestures during a joint news conference with Qatar's foreign minister Sheikh Mohammed bin Abdulrahman al-Thani in Doha

Migranti, Alfano: Ue ci ha piantato in asso, serve soluzione in Libia

Intervistato dal quotidiano tedesco Bild, il ministro degli esteri ha ricordato l'importanza di una politica migratoria comune europea