Venerdì 10 Giugno 2016 - 10:15

Torino, 13enne investito da suv: è in fin di vita

E' successo a via Bologna. Il conducente, negativo all'alcol test, si è fermato a prestare soccorso

Torino, 13enne investito da suv: è in fin di vita

Gravissimo incidente stradale ieri alle 22.30 circa, a Torino, in via Bologna. All'altezza del civico 267 una Ford C-MAX guidata da conducente italiano di anni 47, che percorreva la via verso centro città, a circa 10-15 metri dall'attraversamento pedonale, ha investito un ragazzo di nazionalità moldava di 13 anni che attraversava la carreggiata da destra verso sinistra rispetto alla percorrenza del veicolo. Il conducente, negativo all'alcol test, si è fermato a prestare soccorso.

Il ragazzo è stato trasportato in fin di vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni Bosco. Gli agenti del nucleo infortunistica della polizia municipale Torino che hanno rilevato il sinistro sono alla ricerca di testimoni per chiarire meglio la dinamica del sinistro.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima nevicata a Milano

Neve e ghiaccio su strade e ferrovie. Blocchi in Piemonte e Liguria. Rischi alluvione in Toscana

Situazione complicata per i trasporti nel Nord Ovest. Chiuse autostrade e linee ferroviarie. La spiegazione della parola "gelicidio"

The logo of Thyssen Krupp AG is pictured at the gate one of the ThyssenKrupp steel plant in Duisburg

Thyssen, sette vittime, dieci anni, cinque processi e sei condanne

I numeri di una vicenda atroce. In primo grado l'omicidio con dolo eventuale. Poi diventato colposo con riduzione delle pene: quattro dirigenti italiani in carcere, ma i due tedeschi...

Dopo Vercelli, chieste le telecamere negli asili. Cosa ne pensate?

Alcune famiglie dei bimbi che hanno subito le violenze delle maestre, vogliono che la scuola sia in grado di controllare quello che accade nelle classi. Un sondaggio di LaPresse

Violentata ripetutamente da amico di famiglia: incinta a 11 anni

Arrestato a Barriera di Milano, in provincia di Torino, un uomo di 35 anni che la bambina chiamava zio