Giovedì 19 Novembre 2015 - 23:30

TOP Aereo Sinai, Putin: Intensificheremo raid contro Isis in Siria

Il presidente russo, Vladimir Putin, ha annunciato che la Russia intensificherà i bombardamenti in Siria contro lo Stato islamico, dopo che è emerso che lo schianto dell'Airbus russo nella penisola egiziana del Sinai il 31 ottobre scorso è stato dovuto a un attacco terroristico

151118-054002_909.jpg

Mosca (Russia), 17 nov. (LaPresse/EFE) - Il presidente russo, Vladimir Putin, ha annunciato che la Russia intensificherà i bombardamenti in Siria contro lo Stato islamico, dopo che è emerso che lo schianto dell'Airbus russo nella penisola egiziana del Sinai il 31 ottobre scorso è stato dovuto a un attacco terroristico. "Il lavoro della nostra aviazione di guerra in Siria non solo deve continuare, deve intensificarsi in modo che i criminali capiscano che la vendetta è ineludibile", ha affermato Putin. A bordo dell'aereo viaggiavano 224 persone e nessuna è sopravvissuta.

 

PROVA 

 

PROVA TEST 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A hashtag is displayed inside Amazon's Black Friday pop-up space in London

Amazon, black friday a rischio: sciopero 4mila dipendenti a Piacenza

I lavoratori chiedono un miglior trattamento economico. Braccia incrociate da venerdì mattina alla stessa ora di sabato

Funerale Totò Riina a Corleone

Facebook chiede scusa ai Riina: condoglianze rimosse per errore

Dopo la morte del boss sui social erano arrivati post che facevano riferimento al suo spessore criminale

I funerali di Noemi Durini, la sedicenne uccisa dal proprio ragazzo

Femminicidio, 'fenomeno allarmante'. Italiani tre quarti degli assassini

I dati presentati in Commissione dal ministro della Giustizia Orlando. E la maggior parte avvengono tra persone che avevano o hanno un legame affettivo

Camera dei Deputati. Voto finale sul DL Vaccini

Vaccini obbligatori, la Consulta respinge i ricorsi del Veneto: "Decreto legittimo"

Sul giudizio della Consulta pesa il calo della copertura: "Giusto, quindi, passare dalla persuasione all'obbligo"