Mercoledì 04 Maggio 2016 - 13:45

Toni lascia: dai gol in provincia a quelli in Bundesliga

Appende le scarpe al chiodo il giocatore modenese

Toni lascia: dai gol in provincia a quelli in Bundesliga

Luca Toni dice basta. Dopo una carriera di oltre 20 anni l'attaccante dell'Hellas Verona, che a fine maggio compierà 39 anni, ha annunciato l'addio al calcio per domenica, in occasione della partita del 'Bentegodi' con la Juventus. Cresciuto nelle giovanili del Modena, il centravanti di Pavullo nel Frignano si è 'fatto le ossa' nei campi di provincia a cavallo degli anni 2000 tra Treviso, Vicenza e Brescia. Lo nota il Palermo, che lo acquista nel 2003. Ed è proprio in Sicilia che Toni 'esplode' definitivamente. Il 'matrimonio' con i rosanero dura appena due stagioni, in cui l'attaccante segna 50 reti in 80 partite, trascinando la squadra in Serie A grazie ai 30 gol in 45 partite, che ne fanno il capocannoniere del torneo, e a una storica qualificazione in Coppa Uefa l'anno successivo. Il giocatore modenese a suon di gol attira su di sé l'attenzione dei più importanti club italiano. La Fiorentina decide così di prelevarlo nel 2005 per una cifra vicina ai 10 milioni di euro. In Toscana Toni si laurea capocannoniere con 31 gol, diventando il primo italiano a vincere la 'Scarpa d'Oro'. Parallelamente inizia il percorso in nazionale. Convocato per la prima volta da Marcello Lippi nell'agosto 2004, Toni è uno dei pilastri della spedizione azzurra in Germania, che culmina con il trionfo nel Mondiale.

Nel 2007 Toni il centravanti emiliano lascia l'Italia per trasferirsi al Bayern Monaco. In Bundesliga Toni centra il titolo di capocannoniere con 24 gol in una stagione complessiva da 39 reti, aiutando i bavaresi a conquistare il campionato sotto la gestione Hitzfeld. Dopo due stagioni e mezzo Toni rientra in Italia e inizia un lungo percorso da attaccante 'di scorta', sempre con la valigia in mano. Dalla Roma alla Juventus, passando per il Genoa, sono poche le occasioni per mettersi in mostra. L'attaccante cresciuto nelle giovanili del Modena decide di ripartire così da Dubai, precisamente all'Al Nasr. Nell'agosto 2007, nell'ultimo giorno di mercato, all'età di 35 anni Toni ritorna a Firenze, dove chiude la stagione con 8 reti in 27 presenze. Scaduto il contratto con i viola, l'ex giocatore del Bayern riparte dal Verona, neopromosso in Serie A. Ed è qui che l'attaccante vive una seconda giovinezza. Con Mandorlini in panchina Toni torna protagonista assoluto segnando 20 gol nella sua prima stagione in Veneto e migliorandosi ancora nell'annata 2014/15, chiusa con il titolo di capocannoniere frutto di una stagione da 22 gol in 38 partite. Toni diventa così il 'più anziano' a riuscire in questo record e il primo italiano a vincere la classifica cannonieri con due club diversi. Sempre con la maglia degli scaligeri, nel dicembre 2014, raggiunge quota 300 reti da professionista. Quest'anno i tanti acciacchi fisici condizionano la sua stagione e quella dell'Hellas, che retrocede in Serie B. Toni colleziona 22 presenze segnando 5 gol. Fino all'annuncio odierno del ritiro.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Lazio - Torino

Gattuso: "Il Var leva i cattivi pensieri". Ma la Lazio non ci sta e grida al complotto

Biancocelesti scatenati dopo Lazio-Torino. Ma alla fine del primo tempo, Giacomelli poteva decidere diversamente

Chievo Verona - Roma

Serie A, Roma sbatte su muro Sorrentino: è 0-0 con il Chievo

E' il secondo pari esterno consecutivo per i capitolini: un'occasione che sa molto di sprecata.

Attesa per Juve-Inter, Allegri: "Sfida scudetto ma non decisiva"

Spalletti carica i suoi: "A Torino per fare più punti possibili"