Venerdì 12 Febbraio 2016 - 08:15

Tonfo per la borsa di Tokyo ma Piazza Affari apre in rialzo

Profondo rosso per la borsa nipponica che lascia 760 punti sul terreno

Borsa di Tokyo

 Chiusura in picchiata per la Borsa di Tokyo, chiusa ieri per festività, con l'indice Nikkei 225 che scende del 4,84% a 14.952,61 punti, lasciando sul terreno 760,78 punti solo nella seduta odierna. Cambio dollaro-yen a 112,39.

Apre positiva invece Piazza Affari: Mib a 16.105,57 punti a +2,11%, All-Share a 17.581,67 punti a +1,79%. Ieri a Milano ennesima seduta di passione sui mercati. In chiusura Piazza Affari ha ceduto il 5,65% a 15.773 punti. Dopo la parentesi positiva della vigilia, le Borse europee sono tornare a scendere con Milano e Parigi che hanno aggiornato i minimi a due anni e mezzo. Pesano ancora le preoccupazioni legate alle prospettive di crescita dell'economia mondiale con il presidente della Federal Reserve (Fed), Janet Yellen, che ieri ha fatto capire che tali turbolenze possono incidere sull'outlook economico. Sul fronte societario oggi ulteriori indicazioni negative sono arrivate per le banche da Société Générale con l'outlook sul 2016 che ha deluso gli analisti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Borsa, a Piazza Affari l'euforia si stempera in chiusura

Borsa, a Piazza Affari l'euforia si stempera in chiusura

L'indice Ftse Mib ha registrato guadagni intraday superiori al punto e mezzo percentuale, per poi ritracciare

Roma, incontro tra Governo e sindacati sulle pensioni e sul lavoro

Pensioni, accordo governo-sindacati. Poletti: 6 miliardi in 3 anni

Siglato il verbale dopo un incontro tra i sindacati e il ministero del Lavoro

Borsa, Milano chiude in rosso: giù le banche, in rialzo Mps

Borsa, Milano chiude in rosso: giù le banche, in rialzo Mps

Bancari sotto pressione: Popolare di Milano ha ceduto il 2,75%, Intesa SanPaolo l'1,15%

Una vecchia foto di Ciampi e Draghi

Draghi cita Ciampi: L'euro forza trainante dell'integrazione

L'intervento di fronte alla commissione Affari economici e monetari del Parlamento europeo