Lunedì 10 Aprile 2017 - 08:00

Anche i tiratori scelti a caccia di Igor, l'omicida di Budrio

Setacciate le zone tra Ferrara e Bologna dopo l'uccisione di un guardiapesca e il ferimento di una guardia provinciale

Tiratori scelti a caccia di Igor il killer: ormai braccato l'omicida di Budrio

 E' una immensa caccia all'uomo quella scattata fra Ferrara e Bologna dopo l'omicidio dell'altro ieri sera, in cui è stato ucciso un volontario guardiapesca, Valerio Verri di Portoverrara, mentre una guardia provinciale, Marco Ravaglia è stata ferita. I due avevano fermato il killer per un controllo antibracconaggio di routine nei pressi di Portomaggiore, nel ferrarese. Una caccia all'uomo che impegna moltissimi uomini - polizia e carabinieri sono coinvolti con i loro corpi speciali - che non si sono fermati per tutta la notte, nella ricerca dell'uccisore della guardia, killer che potrebbe essere Igor Vaclavic, che è anche il principale sospettato per l'omicidio del barista Davide Fabbri, avvenuto una settimana fa a Riccardina di Budrio.

Che cosa porta a pensare gli inquirenti che l'uomo che ha ucciso la guardia sia lo stesso soggetto che ha ammazzato il barista di Budrio, in provincia di Bologna? "La similitudine e la necessità di aprirsi un varco nello schieramento di sicurezza facendo quello che ha fatto a Ferrara. Ma è una questione logica, al momento non abbiamo nessun elemento e il soggetto continua a essere un ignoto identificato con un profilo di dna. Appena avremo il riscontro su quello che abbiamo trovato" negli esami del Dna "probabilmente gli daremo una identità, ma al momento è più importante prenderlo", ha spiegato Marco Forte, sostituto procuratore di Bologna, ai microfoni del Tgr Rai della Emilia Romagna.

"L'obiettivo è prendere il killer e il comando generale dei carabinieri ha disposto nella immediatezza dei fatti l'impiego simultaneo del primo reggimento dei paracadutisti Tuscania, dello squadrone eliportato carabinieri cacciatori Calabria e di 24 unità del gruppo intervento speciale per agire dall'aria e da terra con tiratori scelti per eventuali situazioni risolutive. Sono in atto controlli del territorio fra la provincia di Bologna e Ferrara con un impiego di 150 carabinieri per turno", ha ribadito Andrea Desideri, del comando provinciale Carabinieri Bologna, a Sky Tg 24, che ha anche detto che il ricercato "potrebbe avere più di un covo. Seguiamo ogni pista possibile e immaginabile, d'intesa con l'autorità giudiziaria".

Se siamo fiduciosi di prenderlo? "Siamo abbastanza fiduciosi - ha proseguito Desideri - continuiamo a battere le province di Bologna e Ferrara. Usiamo anche elicotteri per il volo notturno, come già fatto stanotte, con la collaborazione della aeronautica militare: c'è stato un pattugliamento notturno per quattro ore e mezza".

Il Wwf ha espresso "il proprio cordoglio per l'uccisione di Valerio Verri, la guardia ambientale volontaria uccisa questa notte mentre, insieme ad un agente della polizia provinciale, Marco Ravaglia, rimasto gravemente ferito, effettuava controlli antibracconaggio". Spiega l'organizzazione: "Quello delle guardie ambientali volontarie contro i bracconieri è un lavoro spesso sconosciuto, pieno di pericoli e sacrifici: una lotta quotidiana contro i crimini di natura che ancora oggi rapinano e degradano il nostro patrimonio naturale e per difendere gli animali, spesso rari che vengono cacciati illegalmente".

Scritto da 
  • Laura Carcano
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Continuano le indagini sullo scandalo alimentare delle uova contaminate con l'insetticida Fipronil

Uova contaminate, altri due casi scoperti dai Nas

Si aggiungono a quelli già comunicati dal Ministero della Salute

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

L'intera famiglia è stata salvata dalle macerie. "Un vero e proprio miracolo", commenta la direttrice sanitaria dell'Asl Napoli 2

Ischia, è polemica su case abusive: "Non si può morire per sisma 4.0"

Ischia, è polemica su case abusive: "Non si può morire per sisma 4.0"

"In molti casi è stato accertato che viene utilizzato cemento impoverito", accusa l'ex procuratore aggiunto di Napoli Aldo De Chiara