Giovedì 28 Gennaio 2016 - 14:45

The hateful eight: 8 farabutti di Tarantino e note di Morricone

La pellicola, in corsa per 3 Oscar, sarà presentata oggi a Roma alla presenza del regista e del compositore

Quentin Tarantino

Sarà nelle sale italiane dal 4 febbraio l'atteso film 'The Hateful eight' di Quentin Tarantino con le musiche di Ennio Morricone in corsa per 3 Oscar, che sarà presentato oggi a Roma alla presenza del regista e del compositore. Il western firmato Tarantino è ambientato anno dopo la fine della guerra civile: una diligenza è costretta a fermarsi nel cuore del Wyoming a causa di una tempesta di neve. Il cacciatore di taglie John Ruth e la sua prigioniera Daisy Domergue sono attesi nella città di Red Rock dove Ruth, noto da quelle parti come "Il Boia", porterà la donna dinanzi alla giustizia, riscuotendo unataglia di 10.000 dollari. Lungo la strada incrociano due uomini che si uniscono a loro. Ma la tempesta infuria ed i quattro sono costretti a fermarsi per cercare rifugio presso un emporio dove ad accoglierli troveranno altri quattro sconosciuti. Gli otto viaggiatori bloccati dalla neve si rendono presto conto che, forse qualcuno non è chi dice di essere e che, probabilmente, non sarà facile per nessuno raggiungere Red Rock.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Director Polanski arrives at the Zurich Film Festival in Zurich

Nuove accuse contro Polanski: "Mi ha molestata quando avevo 10 anni"

La confessione di una pittrice e fotografa statunitense

Addio a Ugo Fangareggi, attore caratterista per Monicelli e Risi

Da "Colpo gobbo all'italiana" a "L'armata Brancaleone", sono tantissimi i suoi ruoli nel cinema italiano

Crystal + Lucy Awards 2017 a Beverly Hills

Caso Weinstein, il produttore a Lupita Nyong'o: "Se non cedi non farai mai l'attrice"

L'interprete premio Oscar 2013 racconta di aver subito pesanti avance dal produttore hollywoodiano

Quentin Tarantino Hand & Footprint Ceremony

Caso Weinstein, Tarantino: "Sapevo tutto, avrei potuto fare qualcosa"

Il regista si pente di non aver mai parlato degli abusi e delle molestie del produttore Harvey Weinstein nei confronti delle donne