Venerdì 27 Ottobre 2017 - 15:00

Festa del cinema, la condizione delle donne afgane in un cartoon prodotto da Angelina Jolie

Già presentato a Toronto, The Breadwinner è un grido pacifista realizzato dallo studio d'animazione Cartoon Saloon

A pochi giorni di distanza dall'anteprima mondiale al Toronto Film Festival, The Breadwinner arriva anche in Italia. In Canada, c'era la presenza della produttrice Angelina Jolie a garantire che si parlasse del film; ad Alice nella Città, la sezione autonoma e indipendente della Festa del Cinema di Roma, destinata ai ragazzi, questo cartone animato dovrà contare solo sulle proprie forze per conquistare il pubblico. Per fortuna di forze ne ha a sufficienza.

Adattamento dell'omonimo bestseller di Deborah Ellis (conosciuto in Italia come Sotto il burqa), The Breadwinner è stato portato sul grande schermo da Cartoon Saloon, una piccola perla dell'animazione europea: si tratta dello studio irlandese che ha già realizzato The Secret of Kells e La canzone del mare, entrambi candidati all'Oscar.

Il tratto onirico distintivo dei primi due titoli è stato utilizzato soltanto per illustrare le storie narrate dai personaggi. Per la trama principale, invece, è stato preferito uno stile più asciutto che porta con sé tutto il dramma della storia di Parvana. È lei, una bellissima undicenne dagli occhi verdi e ipnotici, la protagonista di The Breadwinner. Quando suo padre viene arrestato ingiustamente, si trova sola con sua madre, sua sorella maggiore e un fratellino di pochi mesi. Una situazione terribile sotto il governo del Taliban, nell’Afghanistan del 2001: le due donne non possono uscire sole e i commercianti si rifiutano di vendere cibo a Parvana. La famiglia rischia di morire di fame, così la ragazzina si taglia i capelli e indossa gli abiti del defunto fratello maggiore: ora che è un maschio non si limita ad aiutare madre e fratelli, ma trova il coraggio di rischiare la vita per scoprire cosa è successo a suo padre.

The Breadwinner è il prodotto finale del lavoro di tante donne. Partendo dal libro di Deborah Ellis, la cui idea nacque nel 1996 quando i Talebani misero sotto asseddio Kabul: “Da femminista e pacifista, volevo fare qualcosa di utile per le donne afgane”, ha dichiarato la scrittrice. Passando poi per la sceneggiatrice Anita Doron e la regista Nora Twomey, che hanno deciso di eliminare alcuni personaggi e modificarne altri, e infine per Angelina Jolie che ha prodotto e supportato il progetto sin dalle fasi iniziali.

Quello che ne è nato non è soltato una critica alle disparità di genere e alle condizioni della donna in Afghanistan, ma anche un grido contro la tirannia delle dittature e un emozionante inno sul potere delle storie. È da lì, dalle storie che suo padre le raccontava e che ora lei racconta agli altri e a se stessa, che Parvana trova la sua forza. 

Il film ancora non ha una data d'uscita in Italia, ma a novembre arriverà nelle sale statunitensi ed è probabile che apparirà nella cinquina dei candidati ai prossimi Oscar come miglior film d'animazione.

 

Scritto da 
  • Corinna Spirito
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Premiere di "The Promise" a Los Angeles

Molestie, una fan accusa Stallone ma lui nega: "Storia ridicola e falsa"

La donna ha dichiarato che, nel 1986, l'attore la costrinse ad avere un rapporto sessuale a tre

Molestie, accuse a Sylvester Stallone: fan 16enne costretta a rapporto a tre

La violenza - riporta il Daily Mail - sarebbe avvenuta in un albergo di Las Vegas nel 1986, quando l'attore lavorava ad 'Over the Top'

Kevin Spacey allegations

Molestie, teatro Old Vic Londra: 20 testimonianze contro Kevin Spacey

L'attore ne è stato il direttore artistico dal 2004 al 2015

Accuse a Brizzi, la moglie lo difende: "Per me sono solo voci"

Non la pensa così Asia Argento, che su 'Oggi' dichiara: "Non l'ho mai conosciuto ma sono dalla parte delle vittime. Non si può dubitare di dieci ragazze che raccontano lo stesso modus operandi"