Lunedì 09 Gennaio 2017 - 14:15

Thailandia, due italiani strappano la bandiera: rischiano 2 anni carcere

I due hanno 18 e 20 anni e sostengono di essere stati molto ubriachi

Thailandia, due italiani strappano la bandiera: rischiano 2 anni carcere

Due giovani italiani, Tobia di 20 anni e Ian di 18, sono stati arrestati in Thailandia con l'accusa di vilipendio alla bandiera nazionale. Secondo quanto riporta il Bangkok Post, i due sono stati ripresi in un video mentre strappano alcune bandiere a Krabi, una delle mete turistiche più frequentate del Paese. Sabato mattina, intorno alle 3.30, un filmato immortala i due giovani lungo una strada mentre si dirigono verso il loro hotel, il Soi Maharaj 2. A un certo punto uno si ferma e strappa una bandiera appesa al muro. Poco dopo l'amico ne strappa altre quattro. Il video viene postato su Facebook e in questo modo la polizia riesce a rintracciare e a fermare i due italiani. "Eravamo molto ubriachi, non volevamo offendere il popolo e la cultura thailandesi. Siamo molto dispiaciuti", ha spiegato uno di loro durante l'interrogatorio. Secondo la legge locale, il vilipendio alla bandiera nazionale può essere punito con il carcere fino a due anni e una multa fino a 4mila Bath, poco più di 105 euro.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo