Lunedì 09 Gennaio 2017 - 14:15

Thailandia, due italiani strappano la bandiera: rischiano 2 anni carcere

I due hanno 18 e 20 anni e sostengono di essere stati molto ubriachi

Thailandia, due italiani strappano la bandiera: rischiano 2 anni carcere

Due giovani italiani, Tobia di 20 anni e Ian di 18, sono stati arrestati in Thailandia con l'accusa di vilipendio alla bandiera nazionale. Secondo quanto riporta il Bangkok Post, i due sono stati ripresi in un video mentre strappano alcune bandiere a Krabi, una delle mete turistiche più frequentate del Paese. Sabato mattina, intorno alle 3.30, un filmato immortala i due giovani lungo una strada mentre si dirigono verso il loro hotel, il Soi Maharaj 2. A un certo punto uno si ferma e strappa una bandiera appesa al muro. Poco dopo l'amico ne strappa altre quattro. Il video viene postato su Facebook e in questo modo la polizia riesce a rintracciare e a fermare i due italiani. "Eravamo molto ubriachi, non volevamo offendere il popolo e la cultura thailandesi. Siamo molto dispiaciuti", ha spiegato uno di loro durante l'interrogatorio. Secondo la legge locale, il vilipendio alla bandiera nazionale può essere punito con il carcere fino a due anni e una multa fino a 4mila Bath, poco più di 105 euro.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Trump all'Iran: "Non minacciateci mai più, fate attenzione"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: due morti e 13 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"