Sabato 13 Maggio 2017 - 10:30

Terrorismo, espulso tunisino legato ad attentatore di Berlino

L'uomo, che viveva nel Catanese, è stato rintracciato a Torino

Terrorismo, Viminale: Espulso tunisino legato ad attentatore di Berlino

Un cittadino tunisino 36enne senza permesso di soggiorno che viveva in provincia di Catania è stato espulso dal Viminale perchè ritenuto pericoloso. Dalle indagini, svolte dalla Digos di Roma e di Catania, è emerso che abbia avuto contatti in Italia con l'attentatore della strage di Berlino Anis Amri. Inoltre è stato accertato che il cittadino espulso aveva fornito ad Amri, all'uscita dal Centro di identificazione ed espulsione di Caltanissetta, una sua scheda telefonica italiana, utilizzata da Amri nel giugno/luglio 2015, e aveva mantenuto contatti con lui anche dopo il trasferimento di Amri a Latina e poi in Germania. L'analisi del traffico telefonico ha evidenziato che il tunisino aveva contatti con soggetti di orientamento radicale e il 30 aprile ha lasciato il Catanese per raggiungere in Francia una connazionale che gli avrebbe dovuto fornire le risorse economiche per attraversare il confine clandestinamente. Il tunisino è stato rintracciato il 2 maggio a Torino e rimpatriato. Si tratta del 42esimo caso del 2017, salgono così a 174 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi dal gennaio 2015 a oggi.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti soccorsi dalla nave Diciotti della Guardia Costiera italiana sbarcano a Pozzallo

Sbarcati a Pozzallo i 450 migranti. Sì da Spagna e Portogallo. Salvini: "Successo politico"

Oltre Germania, Francia e Malta anche i due paesi iberici prenderanno una quota di persone. Il "no" di Praga. Difficile gestire così i prossimi sbarchi

SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, Open Arms al largo della Libia. Salvini: "In Italia non ci arrivano"

Un altro tira e molla tra l'Italia e una Ong, dopo la vicenda Lifeline di fine giugno

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Luigi Di Maio ospite di "In Onda"

Decreto dignità, Di Maio: "Relazione modificata da lobby". Mef smentisce

Il ministro del Lavoro contro il numero apparso nella relazione tecnica al decreto